Skip to content

Cos’è un dominio

Un principiante potrebbe confondere il nome dominio con l’hosting di un sito web.

Spiegandola con una metafora: se al tuo sito web serve una casa (hosting), serve anche un indirizzo (il nome dominio).

Una spiegazione più dettagliata potrebbe essere che Internet è una gigantesca rete di computer collegati tra loro. Ogni computer su questa rete può comunicare con altri computer. Per identificarli, a ciascun computer viene assegnato un indirizzo IP. È una serie di numeri che identificano un determinato computer su Internet, come se fosse la targa di un’automobile.

Un tipico indirizzo IP è simile al seguente:

82.196.0.237

Concorderai che un indirizzo IP come questo è abbastanza difficile da ricordare a memoria. Immagina di dover utilizzare tali numeri per visitare questo sito web.

I nomi di dominio sono stati inventati per risolvere questo problema e trasformare una serie di numero in una o più parole facili da ricordare.

Ora, se vuoi visitare un sito web, non è necessario inserire una lunga serie di numeri. Puoi invece visitarlo digitando un nome di dominio nella barra degli indirizzi del browser. Ad esempio, evemilano.com.

Un nome di dominio può essere qualsiasi combinazione di lettere e numeri e può essere utilizzato in combinazione con le varie estensioni di nomi di dominio, come .com, .net e molte altre.

Il nome di dominio deve essere registrato tramite un servizio di registrar prima di poterlo utilizzare. Un registrar di nomi di dominio è una società che gestisce la prenotazione di nomi di dominio Internet.

Ogni nome di dominio è unico. Nessun sito web può avere lo stesso nome di dominio. Se qualcuno digita www.tuodominio.com, andrà sul tuo sito web e nessun altro.

Come funziona un dominio

Per capire come funzionano effettivamente i nomi di dominio, diamo un’occhiata a cosa succede quando lo inserisci nel tuo browser.

Come funziona un dominio

Quando si immette un nome di dominio nel browser, viene prima inviata una richiesta a una rete globale di server che formano il Domain Name System (DNS). Questi server quindi cercano gli IP associati al dominio.

I DNS forniscono poi al browser l’indirizzo IP dove trovare la pagina web richiesta.

I DNS sono quindi database di mappatura tra IP e nome dominio dove le richieste web passano per sapere a che IP dirigere le richieste.

Come si acquista un dominio e quanto costa

Il prezzo di un nome di dominio è in genere compreso tra € 15-25 all’anno, ma il costo potrebbe essere maggiore per domini molto competitivi.

Chiunque può “affittare” un nome di dominio. Basta visitare un registrar di nomi di dominio, come GoDaddy, digitare il ​​dominio che si desidera acquistare e pagare una commissione.

Ho scritto affittare e non acquistare, i domini infatti si noleggiano per un periodo limitato, non sono in vendita permanente. Nessuno può acquistare un dominio per sempre.

Puoi registrare un dominio solo se non è già stato registrato da un’altra persona o azienda e che abbia un suffisso di dominio valido.

Il suffisso identifica il nome come appartenente ad uno specifico dominio di primo livello (TLD). Esistono numerosi TLD disponibili per l’acquisto generale, inclusi .com, .edu, .it, .info, .agency, .net e .org. Il più popolare di questi è di gran lunga il .com, che dovrebbe indicare siti commerciali, ma in realtà è arrivato a includere quasi tutto.

Dominio di primo livello

Un dominio di primo livello (TLD) è uno dei domini di massimo livello nel Domain Name System gerarchico di Internet. Ad esempio, nel nome di dominio www.evemilano.com, il dominio di primo livello è com.

La responsabilità della gestione della maggior parte dei domini di primo livello è delegata a organizzazioni specifiche: Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN), che gestisce Internet Assigned Numbers Authority (IANA), ed è responsabile della gestione della zona radice DNS.

I domini di primo livello non hanno tutti la stessa funzione, ci sono infatti domini adatti a siti web internazionali e TLD per siti web locali, come avevo spiegato in questa guida: ccTLD o gTLD? SEO Internazionale e gestione siti multi lingua

Alcuni registrar di nomi di dominio introducono una gerarchia di secondo livello a un TLD che indica il tipo di entità destinata a registrare un SLD al suo interno. Ad esempio, nello spazio dei nomi .uk un college o altra istituzione accademica si iscriverebbe sotto il ccSLD .ac.uk, mentre le aziende si iscriverebbero sotto co.uk.

Alcuni TLD infrangono la regola tradizionale secondo cui un TLD è il nodo più a destra in un URL. Un TLD può avere più nodi, come pvt.k12.ma.us. Un elenco dei TLD ufficiali è disponibile su icann.org e iana.org. Un termine senza ordinale per indicare domini in base ai quali le persone possono registrare il proprio nome di dominio è dominio suffisso pubblico (PSD).

Dominio di secondo livello

Nella gerarchia DNS (Domain Name System), un dominio di secondo livello (SLD o 2LD) è un dominio che si trova direttamente sotto un dominio di primo livello (TLD). Ad esempio, in evemilano.com, evemilano è il dominio di secondo livello del TLD .com.

I domini di secondo livello si riferiscono comunemente all’organizzazione che ha registrato il nome di dominio con un registrar di nomi di dominio.

Dominio di terzo livello

Un dominio di terzo livello è il successivo livello più alto che segue il dominio di secondo livello nella gerarchia dei nomi di dominio ed è composto da tre parti. È il segmento che si trova direttamente alla sinistra del dominio di secondo livello. Il dominio di terzo livello è spesso chiamato “sottodominio” e include una sezione di terzo dominio all’URL.

Ad esempio, in www.evemilano.com, www è il dominio di terzo livello dell’SLD evemilano.

Nelle grandi organizzazioni, ogni dipartimento o divisione può includere un unico dominio di terzo livello che può agire come un modo semplice, ma efficace, di identificare quel particolare reparto.

Vari nomi di dominio di terzo livello vengono utilizzati per bilanciare il carico sui siti con traffico intenso. A volte, nomi come www1 o www2 sono usati per questo obiettivo.

Quindi un dominio di terzo livello è la sezione di un nome di dominio che si trova a sinistra del punto di un dominio di secondo livello (SLD) che è considerato un’estensione di dominio. Ad esempio, .CO.UK è un dominio di secondo livello (ccSLD) con codice paese sotto il dominio di primo livello con codice paese .UK (ccTLD).

Il registrar .UK supporta la registrazione del dominio in .CO.UK con “.CO.UK” che funge da estensione del dominio.

I nomi di dominio di terzo livello non sono obbligatori a meno che l’utente non abbia un requisito specifico. In realtà è possibile possedere un nome di dominio completamente funzionale come “evemilano.com”. Tutto ciò che serve sono due livelli: il dominio di primo livello e il nome di dominio di secondo livello. Tuttavia, l’uso di nomi di dominio di terzo livello può aggiungere chiarezza ai nomi di dominio, il che li rende più intuitivi.

I domini di terzo livello personalizzati vengono utilizzati anche per scopi specifici. Ad esempio, per un server FTP (File Transfer Protocol) il nome di dominio di terzo livello può essere definito ftp e il nome di dominio completo sarà quindi ftp.evemilano.com. Allo stesso modo, i nomi di dominio come support.google.com e books.google.com possono essere impiegati per differenziare rispettivamente il dipartimento di supporto.

Tieni presente che un dominio di terzo livello è diverso da un sottodominio. go.link.esempio.com è un sottodominio ma non è un dominio di terzo livello dato che è composto da quattro parti, è quindi un dominio di quarto livello.

Sottodominio

Un sottodominio è un dominio che fa parte di un dominio più grande, ad esempio supporto.esempio.com, go.link.esempio.com e dev.esempio.com sono sottodomini del dominio esempio.com.

Un sottodominio è un sottoinsieme di un nome di dominio. Come abbiamo visto un nome di dominio è costituito da un dominio di primo livello (Top Level Domain) noto anche come estensione di dominio (come .COM) e un dominio di secondo livello (SLD). Ad esempio, il nome di dominio di questo sito è evemilano.com con “evemilano” come SLD e .COM come TLD.

Un esempio di sottodominio sarebbe apps.evemilano.com.

Hai completato la guida, se pensi ti sia servita puoi lasciare un commento o condividerla con i tuoi colleghi. A presto!

Articoli correlati

Autore

Commenti |1

Lascia un commento Lascia un commento
  1. Pablito 1 commento

    Spiegazione chiara ed esaustiva .
    Complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’esperienza di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1150 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Richiedi un preventivo ora e scopri la differenza tra noi e gli altri.
Richiedi un preventivo

Vuoi ricevere un avviso al mese con le nuove guide pubblicate?

Iscriviti alla newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.