Skip to content

In questo blog ho parlato di immagini in diverse occasioni, come ad esempio nella guida all’ottimizzazione delle immagini per la SEO. Oggi vorrei descrivere i quattro formati più frequenti che si incontrano navigando il web: JPEG, PGN. GIF e WEBP. Vediamo cosa caratterizza e a cosa si presta ogni differente formato.

JPG

Le immagini in formato JPG possono visualizzare immagini altamente dettagliate con molti colori, rendendole perfette per le fotografie.

Allo stesso tempo, i file sono spesso molto grandi e non sempre reggono bene la compressione. Nel confronto diretto con JPG, l’immagine WEBP è più piccola del 25-35% circa, nonostante mantenga la stessa qualità dell’immagine. Tra JPG e WEBP il secondo formato è semplicemente la scelta migliore.

Il formato JPG è ideale se puoi convivere con perdite di qualità e se nitidezza e dettagli non sono importanti. Il formato JPG è spesso utilizzato per immagini colorate, poiché la composizione di JPG consente di visualizzare molti colori e gradazioni.

Le immagini del computer possono essere create come immagini raster o vettoriali, JPG sono immagini raster. La grafica raster è bitmap di immagini. Una bitmap è una griglia di singoli pixel che, combinati, creano un’intera immagine. In altre parole, le immagini raster sono una raccolta di innumerevoli minuscoli quadrati (o pixel) di colore che sono codificati ciascuno in una tonalità o sfumatura specifica che, una volta messe insieme, creano un’immagine intera che ha senso da guardare.

Ecco ulteriori informazioni sulle immagini raster per aiutarti a capire meglio:

  • Ideale per immagini non allineate come fotografie, grafica digitalizzata o grafica dettagliata.
  • Hanno sfumature di tonalità o sfumature sottili e linee e forme molto indefinite.
  • A causa della loro natura basata sui pixel, soffrono di problemi di qualità quando vengono ingranditi (diventano frastagliati ed espongono i singoli pixel).
  • Sono definiti e visualizzati con una risoluzione specifica, misurata in punti per pollice (dpi).
  • Maggiore è il dpi, migliore è la risoluzione e l’aspetto visivo dell’immagine.
  • I formati di file raster comuni includono: file TIFF, JPG, GIF, PCX e BMP.
  • Le immagini raster sono state lo standard per il web.

L’aspetto finale delle tue immagini dipende da molti fattori: ad esempio

  • la risoluzione dello schermo (HD, QHD, UHD / 4K, 8K, ecc.),
  • le impostazioni dello schermo come sRGB, adobeRGB,
  • la modalità di visualizzazione dei tuoi monitor,
  • il dispositivo utilizzato per visualizzare le immagini.

Cosa cambia tra formato JPG e JPEG? In realtà non ci sono differenze tra i formati JPG e JPEG. L’unica differenza è il numero di caratteri utilizzati. JPG esiste solo perché nelle versioni precedenti di Windows (file system MS-DOS 8.3 e FAT-16) richiedevano un’estensione di tre lettere per i nomi dei file.

PNG

Le immagini in formato PNG sono ideali per le immagini senza molti dati coinvolti, come loghi o screenshot dell’interfaccia.

le immagini PNG sono eccellenti nel mantenere la qualità quando vengono compressi e supportano la trasparenza, ma non funzionano bene per le fotografie. I file PNG non sono adatti ai fotografi perché creano un file immagine molto più grande rispetto ad un JPG ad esempio.

Il formato PNG viene utilizzato principalmente per gli screenshot, perché i PC salvano le immagini come PNG. Perché? – Perché gli screenshot sono spesso un mix di immagini e testo. Il PNG viene utilizzato, ad esempio, per le immagini che richiedono uno sfondo trasparente. Ciò rende il formato molto versatile e popolare nel design grafico.

PNG è disponibile nei formati:

  • PNG-8 utilizza una profondità di colore a 8 bit e un massimo di 256 colori.
  • PNG-24 utilizza una profondità di colore a 24 bit con un massimo di 16,7 milioni di colori. Quindi PNG-24 è paragonabile al formato JPEG.

GIF

I file GIF sono eccellenti per le brevi animazioni. Nella sua forma più semplice, una GIF (pronunciata “gif” o “jiff”) è solo un file immagine. Come i formati di file JPEG o PNG, il formato GIF può essere utilizzato per creare immagini fisse. Ma il formato GIF ha una caratteristica speciale: può anche essere utilizzato per creare immagini animate.

Diciamo “immagini animate” perché le GIF non sono realmente video. Semmai sono più simili a libri sfogliabili. Per prima cosa, non hanno il suono (probabilmente l’hai notato). A dirla tutta, il formato GIF non è stato creato per le animazioni. I file GIF possono contenere più immagini contemporaneamente e le persone si resero conto che queste immagini potevano essere caricate in sequenza (di nuovo, come un libro sfogliabile) se decodificate in un certo modo.

CompuServe ha pubblicato il formato GIF nel 1987 ed è stato aggiornato l’ultima volta nel 1989. In altre parole, GIF è più vecchio di circa il 35% della popolazione degli Stati Uniti e precede il World Wide Web di due anni. Ha contribuito a definire i primi siti web di GeoCities, le pagine di MySpace e le catene di email, ed è ancora una parte importante della cultura di Internet.

WEBP

Le immagini WEBP sono un formato immagine sviluppato da Google che consente di visualizzare le immagini sul web con un livello di qualità simile ai formati di immagine esistenti, ma con una dimensione di file inferiore.

Per ottenere ciò, WEBP fornisce opzioni di compressione “lossy” e “lossless”. Quest’ultima opzione conserva più dati, mentre la prima riduce ulteriormente le dimensioni dei file risultanti.

Secondo i dati di Google, le immagini WEBP sono in media:

  • Dimensioni inferiori del 25-34% rispetto alle immagini JPEG comparabili.
  • Dimensioni ridotte del 26% rispetto ai PNG.

Dal 2021 la compatibilità dei browser è prossima al 99% quindi oggi WEBP è diventato de facto lo standard per le immagini sul web.

Articoli correlati

Autore

Commenti |2

Lascia un commento Lascia un commento
  1. denny 1 commento

    Ciao, ho effettuato la conversione di un’immagine da png a webp, il risultato è:
    File PNG (originale) 5kB – File WEBP 7KB
    come mai, se tutti dicono che webp è un formato più leggero?

    1. Giovanni Sacheli 752 risposte

      Ciao Denny, grazie per aver alzato la questione, è interessante. L’algoritmo di compressione WebP è stato creato, secondo Google, come alternativa ai file PNG e JPEG. In genere, l’immagine WebP risultante è in media del 26% più piccola del PNG originale e del 25-34% più piccola del JPEG originale. Tuttavia, in alcuni casi particolari, l’immagine risultante può essere più grande, anche molto più grande.
      Anche io ho riscontrato casi in cui la versione WebP di un PNG era il doppio o il triplo delle dimensioni del file originale.

      Non c’è nulla di strano, a volte è solo una limitazione dell’algoritmo WebP, soprattutto quando il file originale è già ottimizzato. Google lo spiega in questa pagina.

      Riassumendo, ci sono casi in cui il file webp risulta più grande del file jpg/png nativo. Ci sono tre situazioni tipiche:

      • Se l’immagine di origine è in formato ARGB lossless, il downsampling spaziale a YUV420 introdurrà nuovi colori che sono più difficili da comprimere rispetto a quelli originali. Questa situazione può verificarsi in genere quando l’origine è in formato PNG con pochi colori: la conversione in WebP con perdita (o, analogamente a un JPEG con perdita) comporterà potenzialmente una dimensione del file maggiore.
      • Se l’origine è in formato con perdita di dati, l’utilizzo della compressione WebP senza perdita di dati per acquisire la natura con perdita di dati dell’origine risulterà in genere in un file più grande. Questo non è specifico per WebP e può verificarsi quando si converte una sorgente JPEG in formati WebP o PNG senza perdita di dati, ad esempio.
      • Se la sorgente è in formato con perdita di dati e stai cercando di comprimerla come un WebP con perdita con un’impostazione di qualità superiore. Ad esempio, il tentativo di convertire un file JPEG salvato con qualità 80 in un file WebP con qualità 95 di solito si tradurrà in un file più grande, anche se entrambi i formati sono con perdita di dati. Valutare la qualità dell’origine è spesso impossibile, quindi si consiglia di ridurre la qualità WebP di destinazione se la dimensione del file è costantemente maggiore. Un’altra possibilità consiste nell’evitare di utilizzare l’impostazione della qualità e scegliere invece come target una determinata dimensione del file utilizzando l’opzione -size nello strumento cwebp o l’API equivalente. Ad esempio, prendere di mira l’80% della dimensione del file originale potrebbe rivelarsi più affidabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’expertise di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1121 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Affidati alla nostra esperienza per fare la differenza.
Richiedi un preventivo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità SEO e Google Ads?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.