Skip to content

Cosa significa fare hotlinking? Facciamo un esempio. Sul tuo sito web hai delle belle immagini che hai realizzato, sono originali e le pagine web che le mostrano ricevono buon traffico da Google Immagini. Un giorno il traffico crolla. Cerchi le tue immagini su Google e le trovi utilizzate in altre pagine web, in un altro sito web, ma l’URL dell’immagine punta sempre al tuo server.

L’hotlinking è stata una pratica a lungo usata dagli spammer, Google negli anni ha imparato a riconoscerla rendendola meno efficace.

Nella seguente immagine puoi vedere un esempio di hotlinking. Il sito B ruba l’immagine, senza scaricarla e ricaricarla sul suo server, ma usando direttamente l’URL originale dell’immagine nel sito A. In certi casi il sito B riesce a posizionarsi meglio del sito A su Google Immagini.

Indicizzazione immagine con hotlink

Fare hotlinking significa quindi inserire nel proprio sito immagini che sono ospitate su un altro server, utilizzando di fatto le sue risorse, il suo file e la sua banda. Inutile dire quanto sia scorretto fare hotlinking.

Quali sono i problemi?

Come hai visto è molto semplice fare hotlinking di una immagine, è sufficiente linkarla usando il file ospitato sul server di origine. Oggi Google sembra più furbo di qualche anno fa e nei risultati di ricerca assegna l’immagine alla fonte corretta.

È sempre un problema?

L’hotlinking a volte è lecito. Ad esempio, prendere un’immagine da Wikimedia Commons linkandola direttamente nell’attributo src non è un problema. Le immagini di quel sito sono di dominio pubblico ospitate da un provider multimediale. Tuttavia, può essere un problema in determinate circostanze.

Prima di tutto, se l’immagine in questione è protetta da copyright e non si dispone dell’autorizzazione per utilizzarla, è possibile violare le leggi sul copyright mediante hotlinking.

In relazione a ciò, anche se non illegale, potrebbe essere immorale o non etico se sai che il proprietario dell’immagine non vuole che tu colleghi hotlink alle sue foto. Ad ogni modo anche se non stai “rubando” letteralmente l’immagine, stai sicuramente usando la sua larghezza di banda e questo non è un buon comportamento.

Infine, non avendo il controllo della fonte dell’immagine non puoi sapere se in futuro cambierà. A volte l’immagine cambia solo perché i siti vanno in crash o vengono riorganizzati. In altri casi un proprietario arrabbiato cambierà deliberatamente un’immagine in risposta a hotlinking.

L’hotlinking a un servizio di hosting di immagini va bene ed è anche ragionevole linkare un’immagine in una conversazione in chat, un forum o un commento in un blog. Ma se un’immagine è parte integrante del tuo contenuto dovresti salvarla sul tuo server.

Esiste una query che si può digitare in Google per cercare le immagini che ti sono state rubate. Apri Google Immagini e digita questo comando sostituendo iltuosito.com con il dominio che vuoi controllare: inurl:iltuosito.com -site:iltuosito.com
Questa query chiede a Google di mostrare tutte le immagini con il dominio indicato nell’URL di appartenenza (inurl) ma che non sono ospitate su quello stesso dominio (-site). Probabilmente non troverete tutte le copie esistenti ma sicuramente qualcuna, se esistono.

Come proteggersi dall’hotlinking

Se ti rubano delle immagini probabilmente vuol dire che sono belle, originali ed efficaci e questi sono fattori di ranking per Google Immagini, importante proteggersi da questi furti.

Per difendere il proprio sito dall’hotlinking è abbastanza semplice, basta infatti aggiungere qualche riga nel proprio file .HTACCESS posizionato nella root del proprio web server ed il gioco è fatto.

Con server Apache e Nginx si possono bloccare tutti gli hotlinks indistintamente oppure soltanto quelli da specifici domini, vediamo come fare con due script differenti da inserire nel file .HTACCESS:.

Bloccare hotlinking da tutti i referrals

RewriteEngine on
RewriteCond %{HTTP_REFERER} !^$
RewriteCond %{HTTP_REFERER} !^http(s)?://(www\.)?evemilano.com [NC]
RewriteRule \.(jpg|jpeg|png|gif)$ - [NC,F,L]

Bloccare hotlinking soltanto da alcuni referrals

RewriteEngine On
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} -f
RewriteCond %{REQUEST_URI} !/images/alternative-image.jpg$
RewriteRule \.(jpg|gif|png)$ - [NC,C]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} bilderr\.com [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} pictures-images\.com [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} freeimages-de\.bloggum\.com [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} zaggla\.com [NC]
RewriteRule . /images/alternative-image.jpg [T=image/jpg,L]

Questo script è più complesso del primo ma permette una selezione molto accurata del file da proteggere (REQUEST_URI) e da chi proteggerlo (HTTP_REFERRER).

hotlinking

I lettori con una vista da falco NERD avranno sicuramente notato la simpaticissima funzione nell’ultima riga. In pratica si imposta un’immagine sostitutiva da inviare al furbetto di turno… E qui la fantasia vola!

Bloccare hotlinking su server Nginx

Il server Nginx non usa il file .HTACCESS, per impedire l’hotlinking è necessario inserire la direttiva location nel file di configurazione di Nginx che si trova solitamente qui /usr/local/nginx/conf, /etc/nginx, oppure /usr/local/etc/nginx directories..

Inseriamo questo codice per rispondere con uno status code 403 ad ogni richiesta di hotlinking:

location ~ .(gif|png|jpe?g)$ {
     valid_referers none blocked .ilmiosito.com;
     if ($invalid_referer) {
        return   403;
    }
}

Miglioriamo lo script inserendo tutte le alternative possibili dei file type con lettere maiuscole e minuscole. Poi modificando la parte finale del codice così da forzare il webserver a restituire un’immagine alternativa a tutte le richieste di hotlinking:

# è possibile definire una cartella da bloccare
# location = /immagini/vietato_rubare.png
# oppure i tipi di file
location ~ \.(gif|png|jpg|jpeg|JPG|GIF|JPEG|PNG)$ {
    valid_referers none blocked ilmiosito.com *.ilmiosito.com;
        if ($invalid_referer) {
            rewrite \.(gif|png|jpg|jpeg|JPG|GIF|JPEG|PNG)$ http://www.ilmiosito.com/immagini/vietato_rubare.PENG redirect;
            # alternativa
            # rewrite ^(.*)$ http://ilmiosito.com/immagini/vietato_rubare.png last;
        }
}

Per prima cosa potresti scrivere al webmaster, ma vuoi mettere il divertimento di sostituire l’immagine con un’altra più simpatica e che ti piacerebbe mostrare sul sito?

Per servire immagini alternative quando viene rilevato il collegamento hotlink è possibile impostare il file .htaccess. Questo è più comunemente fatto con immagini che mostrino il tuo dispiacere… Usa creatività :)

RewriteEngine on
RewriteCond %{HTTP_REFERER} !^$
# Sostituisci con il tuo dominio
RewriteCond %{HTTP_REFERER} !^http://(www\.)example.com/.*$ [NC]
# Indica immagine alternativa da mostrare
RewriteRule \.(gif|jpg)$ http://www.example.com/angryman.gif [R,L]

Come seconda opzione potresti cancellare e rinominare l’immagine in hotlink. Inoltre, se dedichi tempo ad ottimizzare le immagini forse dovresti valutare l’utilizzo di un tuo watermark.

Strumenti

Con Htaccesstools /disable-hotlinking-generator e /prevent-hotlinking puoi creare il tuo file .HTACCESS specifico per proteggerti dall’hotlinking.

Se questo articolo ti è servito lascia un commento o semplicemente un +1 :D

Articoli correlati

Autore

Commenti |15

Lascia un commento Lascia un commento
  1. Paolo 1 commento

    Buongiorno. Io ho riscontrato il problema sul mio sito. La domanda è: in che punto del file .htaccess copiare e incollare il codice? Uno vale l’altro? Grazie mille, Paolo.

    1. Giovanni Sacheli 752 risposte

      Buongiorno Paolo grazie per il commento. La posizione della stringa da inserire dipenda da cosa è già presente nel file .htaccess, alcune regole potrebbero andare in disaccordo con la nuova quindi l’unica è testare.

      Prova inserendolo all’inizio, non dovesse funzionare prova alla fine. In ogni caso fai un backup del file prima di modificarlo ;)

  2. Robert 4 commenti

    Grazie, credo ora di aver capito che cosè l’hotlinking. Ma ho ancora un dubbio e riguarda i link che vengono fatti alle immagini del mio sito e che posso vedere attraverso programmi come Seozoom, Hrefs, ecc.
    Per intenderci, guardando il mio profilo backlink vedo centinaia di link in entrata verso wp-content/images/nomefiles.jpg. Come si chiama questo fenomeno? E’ dannoso? Per bloccarlo mi basta bloccare l’hotlinking o devo usare search console per dire a google di non considerare il link in entrata da questi domini?
    Grazie in anticipo per la risposta. Ti auguro un felice e fortunato 2018!

    1. Giovanni Sacheli 752 risposte

      Ciao Robert, grazie del commento.

      L’hotlinking è quando qualcuno inserisce nel suo sito web, in un tag IMG, un’immagine hostata sul tuo server. Questa pratica fa in modo che la banda utilizzata per inviare l’immagine all’utente sia quella del tuo web server.

      I backlink, link in ingresso, invece sono un’altra cosa. Altri siti web possono linkare ad una tua infografica, ad esempio, e questo fa bene alla salute del tuo sito web. I backlink sono vitali per la crescita di un sito web, sia che puntino a file HTML sia che puntino ad immagini (una pagina HTML è meglio e più fruibile per tanti motivi). In risposta alla tua domanda, i backlink alle immagini non sono quindi dannosi, anzi.

      A presto e buon lavoro!

      1. Robert 4 commenti

        Ok, ora ho capito la differenza!

        Ma in caso di:
        – hotlink e
        – backlink e
        – anchor text uguale a un punto (simbolo di punteggiatura “.”)
        il tutto da un sito come http:// scientists . biz /incentivi-prima-casa-giovani-coppie.html

        allora sono di fronte ad uno spam link, poco utile (se non dannoso). Corretto?

        Grazie ancora! :)

        1. Giovanni Sacheli 752 risposte

          Ciao Robert, solo il buon senso può darti una risposta.

          Io non conosco il tuo sito web e non so quindi che tematica tratti. Se il sito che ti linka è totalmente fuori tema, mi farei qualche domanda.

          L’ancora è testuale dici, un punto. In se non è negativa, certo non è ottimizzata :) Sicuro che il punto non sia magari un alt tag compilata male di un’immagine? Quando il link è generato da un’immagine l’ancora considerata è l’alt tag.

          Prima di usare il disavow tool di Search Console accertati che il link che vuoi rimuovere sia davvero negativo. Spesso quello strumento si utilizza senza criterio facendo solo grandi danni!

          A presto!

  3. RENATA ROSA 1 commento

    Ciao e grazie per questo utilissimo articolo. Ho visto che vi sono parecchi hotlinks purtroppo. Ho poi impostato su .HTACCESS questo script da te suggerito

    LA MIA DOMANDA:
    basterà questo per disconnettere gli hotlinks già fatti, è agirà solo in prevenzione di hotlinks futuri?
    Se è valido solo in prevenzione, cosa mi conviene fare per le immagini già trafugate, le rinomino? (non sono tante, sarebbe un lavoro abbastanza veloce)
    GRAZIE e complimenti per il sito!

    1. Giovanni Sacheli 752 risposte

      Ciao Renata, i redirect hanno effetto su tutte le chiamate esterne verso le immagini, quindi sia hotlink vecchi sia quelli futuri. Puoi testare direttamente in Google Immagini che di fatto fa hotlink ;)

  4. Paolo Dal Lago 3 commenti

    Buongiorno Giovanni, in alcuni post del nostro blog compaiono immagini con “Stop! This image was hotlinked” e non ci è chiaro cosa sia. Forse i redattori hanno preso immagini in rete da altri siti? Cosa si può fare a riguardo? Grazie mille
    Paolo

    1. Giovanni Sacheli 752 risposte

      Ciao Paolo,
      Grazie per aver commentato sul mio blog e per aver condiviso la tua preoccupazione riguardo alle immagini nel tuo sito con la dicitura “Stop! This image was hotlinked”. Sono lieto di aiutarti a capire meglio la situazione e fornirti possibili soluzioni.
      L’hotlinking, o “inlining”, è una pratica in cui un’immagine presente su un server viene utilizzata direttamente su un altro sito web, facendo riferimento all’URL dell’immagine originale. Questo può portare a un consumo indesiderato di risorse sul server dell’immagine originale e potrebbe violare il copyright dell’autore dell’immagine.
      La dicitura “Stop! This image was hotlinked” appare quando il proprietario del server dell’immagine originale ha implementato misure per prevenire l’hotlinking. In altre parole, il server riconosce che l’immagine è stata utilizzata senza il permesso del proprietario e mostra questo messaggio al posto dell’immagine originale.

      Per risolvere il problema, ti consiglio di seguire queste indicazioni:

      • Verifica se hai il permesso di utilizzare le immagini in questione. Se non hai i permessi necessari, cerca immagini alternative per cui hai il permesso di utilizzo o che siano distribuite sotto licenze Creative Commons.
      • Nel caso tu abbia il permesso di utilizzare le immagini, invece di fare hotlinking, scarica le immagini sul tuo computer e carica poi le copie sul tuo server o su un servizio di hosting di immagini. Quindi, modifica i collegamenti nel tuo sito per far riferimento alle nuove copie delle immagini.
      • Assicurati di citare sempre la fonte dell’immagine e il proprietario dei diritti, nel rispetto delle leggi sul copyright e delle condizioni di utilizzo delle immagini.

      Spero che queste informazioni ti siano utili per risolvere il problema nel tuo blog. Se hai ulteriori domande o dubbi, sentiti libero di chiedere. Buona fortuna e buon lavoro sul tuo blog!

      1. Paolo 3 commenti

        ciao Giovanni grazie per la risposta.
        Il problema è che le immagini risiedono nei nostri server, sono caricate nella sezione media del nostro pannello wordpress e non fa riferimento alla url di altri siti. Può essere che i redattori abbiano semplicemente fatto copia/incolla di immagini già presenti in rete e questo sistema di protezione le riconosca?
        Grazie

        1. Giovanni Sacheli 752 risposte

          Ciao Paolo,
          Grazie per la tua risposta e per aver fornito ulteriori dettagli.

          Se le immagini sono ospitate sul tuo server, non si tratta di un problema di hotlinking. Tuttavia, la situazione che descrivi potrebbe essere dovuta al fatto che quando le immagini sono state scaricate originariamente, un sistema di sicurezza ha probabilmente sostituito l’immagine originale con quella di avviso “Stop! This image was hotlinked”. Questo può accadere se il sito da cui sono state scaricate le immagini aveva misure di protezione per prevenire il download non autorizzato.

          Ecco cosa ti consiglio di fare:

          • Verifica le immagini che mostrano l’avviso. Se possibile, cerca di capire da dove sono state scaricate. Se il sito di origine ha un sistema di sicurezza che impedisce il download non autorizzato, potrebbe essere stato quello a sostituire l’immagine.
          • Se non riesci a identificare la fonte originale delle immagini o se non riesci a ottenere il permesso per utilizzarle, dovresti sostituire le immagini con altre di cui detieni i diritti o che sono distribuite sotto licenza Creative Commons.
          • Parla con i redattori che hanno caricato le immagini e chiedi loro di fornire ulteriori dettagli sulla provenienza delle immagini. Questo potrebbe aiutarti a risolvere il problema e a prevenire problemi simili in futuro.

          Ricorda sempre di rispettare le leggi sul copyright quando si utilizzano immagini. Spero che queste informazioni ti aiutino a risolvere il problema. Se hai ulteriori domande, non esitare a chiedere. Buon lavoro con il tuo blog!

          1. Paolo 3 commenti

            Grazie mille per i chiarimenti Giovanni, provvedo

  5. Matteo 1 commento

    Ciao Giovanni,
    il tool linkato http://www.htaccesstools.com/hotlink-protection/ non risulta più reperibile, hai qualche tool alternativo per svolgere tali ottimizzazioni? Grazie per la guida e buon lavoro!

    1. Giovanni Sacheli 752 risposte

      Ciao Matteo, ho aggiornato i link con due tool alternativi. Grazie mille per la segnalazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’expertise di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1121 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Affidati alla nostra esperienza per fare la differenza.
Richiedi un preventivo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità SEO e Google Ads?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.