Skip to content

Durante un SEO audit arriva prima o poi il momento di dover analizzare i link interni, e quindi anche gli anchor text, ovvero le ancore di testo dei link interni al sito web.

Anchor text non è altro che il testo cliccabile di un link:

<a href="http://www.esempio.it">Anchor Text</a>

Analizzare le ancore interne è importante perchè Google utilizza questi elementi per associare termini e concetti alle pagine di destinazione. Un link con ancora “figurine di calcio” porterà Google ad associare il termine “figurine di calcio” alla pagina di destinazione del link. Dare ad utenti e motori di ricerca messaggi mirati e coerenti è fondamentale per una buona linking interna e quindi una buona SEO.

Vedremo, attraverso un paio di analisi svolte con Screaming Frog ed Excel, come aiutare Google a non fare confusione, fornendo a lui ed utenti indicazioni (link interni) coerenti.

Riassunto del processo

  • Eseguire scansione con Screaming Frog
  • Scaricare il report all anchor text
  • Creare una tabella pivot
  • Visualizzare anchor text/URL e ricorrenze delle anchor text
  • Visualizzare URL/anchor text e ricorrenze URL

Per prima cosa imposta Screaming Frog nel modo più semplice possibile, verifica con la scansione solo i link interni delle pagine indicizzabili, scansiona la sitemap.xml. Disabilita tutto il resto.

Configura Screaming Frog per analizzare le ancore dei link interni
IMG 1 – Configura Screaming Frog per analizzare le ancore dei link interni

Come ultima configurazione ti consiglio di impostare “Rispetta il tag rel canonical”, vedi tabella Advanced:

Spider Configuration > Advanced > Respect Rel Canonical

Ricordati che le impostazioni dello spider possono cambiare drasticamente i risultati della scansione, assicurati di regolare Screaming Frog in modo specifico per il tuo sito web altrimenti vedrai dati non reali.

Quando lo spider ha terminato la scansione del sito web esporta il report All Anchor Text che trovi nel menu Bulk:

Bulk Export > Links > All Anchor Text

Esporta il report All Anchor Text
IMG 2 – Esporta il report All Anchor Text

Questo report è probabilmente uno dei pià pesanti che può generare Screaming Frog. Un sito mediamente grande potrebbe generare milioni di combinazioni tra Source/Destination/Anchor Text. Questo significa che per alcuni siti web particolarmente grandi il report sarà suddiviso in più fogli Excel, rendendo più complesso fare l’analisi che vedremo in questa guida.

Una volta esportato il file Excel ottieni una tabella del genere.

Tabella con tutti i link interni
IMG 3 – Tabella con tutti i link interni

Useremo tutti i dati, ma quelli particolarmente utili in questa situazione sono nelle colonne:

  • Source: la pagina che contiene il link.
  • Destination: la destinazione del link, ovvero il valore definito nell’attributo href.
  • Anchor: il testo cliccabile del link, l’ancora.

La tabella del file export mostra tutti i link interni del sito e, come potrai notare, è molto estesa. In alcuni casi potrebbe essere difficile da analizzare, meglio aggregare i dati in una tabella pivot.

Seleziona tutti i dati del foglio Excel cliccando il quadrato sopra la riga 1 e a sinistra della colonna A, poi inserisci una tabella pivot aprendo il menu Insert:

Inser > Pivot Table > From Table/Range

Crea una tabella pivot
IMG 4 – Crea una tabella pivot

Inserisci la tabella in un nuovo foglio e premi OK.

Ora configura la tabella pivot in modo da visualizzare anchor text/URL nelle righe e ricorrenze delle anchor text nei valori. Usa l’area a destra dello schermo per impostare la tabella pivot: trascina gli elementi Destination e Anchor dalla lista superiore ai riquadri inferiori, come mostrato nell’immagine che segue.

Imposta la tabella pivot con Anchor/Destination
IMG 5 – Imposta la tabella pivot con Anchor/Destination

Con questa visualizzazione puoi notare subito due aspetti molto importanti:

  • quali sono gli anchor text più diffusi nel sito
  • incoerenza delle ancore interne, ovvero se stai linkando con la stessa ancora pagine differenti

Quali sono gli anchor text più diffusi nel sito

Aspetto molto importante. Le ancore più diffuse sono relative ai servizi e ai prodotti che vuoi posizionare oppure usano parole non strategiche? In certi siti può capitare di trovare che le ancore più diffuse tra i link interni sono informazioni non strategiche, parole chiave che non ha valore posizionare. Fare pulizia può aiutare Google e utenti a raggiungere le pagine importanti per il tuo business.

Le ancore dei link interni sono come indicazioni stradali per Google: ogni ancora viene associata alla destinazione. Se usi le stesse ancore per indicare destinazioni differenti generi confusione, sia negli utenti che nei motori di ricerca. Le ancore dei link interni devobo essere coerenti.

Ora proviamo a guardare i dati in modo differente. Copia il foglio e crea un’altra tabella invertendo gli elementi della precedente pivot.

Configura la nuova tabella pivot per vedere URL/anchor text e ricorrenze degli URL.

Imposta la tabella pivot con Destination/Anchor
IMG 6 – Imposta la tabella pivot con Destination/Anchor

Con questa visualizzazione puoi notare altri due aspetti molto importanti:

  • quali sono gli URL più linkati internamente al sito
  • La consistenza e la varianza delle ancore utilizzate per linkare ciascun URL

Le pagine più linkate internamente

Con questa visualizzazione dei dati (IMG 6) vediamo quali sono gli URL più linkati internamente al sito web e, aprendo l’alberatura, troviamo anche con quali anchor text. Utile, no?

Consistenza e varianza delle anchor text

Quando si lancia un nuovo sito web è importante focalizzare tutte le energie in piccoli traguardi costanti. Un nuovo sito è debole, puntare traguardi oltre le proprie possibilità annullerebbe ogni possibile risultato.

Cerca una keyword strategica per il servizio o prodotto che vendi online, genera una long tail, una parola dettagliata e con poca competizione, e usa sempre quell’ancora per linkare la tua pagina commerciale, almeno all’inizio.

In genere è buona norma linkare una pagina sempre con la stessa ancora, almeno finchè la pagina non inizia ad ottenere visibilità e quindi posizionamenti interessanti per la specifica query usata nell’anchor text. Una volta consolidato il posizionamento in SERP è possibile iniziare a linkare la pagina con varianti della parola chiave iniziale, in modo da inviare a Google più segnali, sempre coerenti, sulle finalità del link di destinazione.

Tutte queste considerazioni aiutano ad ottimizzare il sito web e a renderlo più chiaro e comprensibile a Google.

Di questo argomento ne parlavo pochi giorni fa con il mitico Stefano Rigazio, amico e collega, in una videochiamata. Trovi l’estratto nel video che segue:

Hai dubbi o domande? Lascia un commento!

Articoli correlati

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’esperienza di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1150 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Richiedi un preventivo ora e scopri la differenza tra noi e gli altri.
Richiedi un preventivo

Vuoi ricevere un avviso al mese con le nuove guide pubblicate?

Iscriviti alla newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.