Skip to content

Se gestite in autonomia la vostra campagna pubblicitaria online con Google AdWords ma non siete dei professionisti del settore potrebbero interessarvi 5 semplici consigli per controllare velocemente il rendimento dell’account.

1. Cronologia delle modifiche

Cronologia delle modifiche di Google AdWords
  • Cos’è: come avrai già indovinato, la cronologia delle modifiche mostra i cambiamenti che hai apportato al tuo account PPC (pay per click) in un dato lasso di tempo.
  • Su cosa influisce: non influisce direttamente su alcun parametro, ma risulta utile in situazioni quando inconsciamente si modifica qualcosa che incrementa (o decrementa) notevolmente le prestazioni dell’account e non ci si ricorda le specifiche attività svolte.
  • Dove trovarlo: Strumenti e analisi > Cronologia delle modifiche. Si può impostare un arco di tempo specifico e scegliere se analizzare l’account intero o le singole campagne. Assicurati di non controllare soltanto quel periodo specifico, l’ideale sarebbe un confronto con 30, 90 e 120 giorni passati.
  • Perchè è interessante: perchè gestire una campagna AdWords non vuol dire impostarla e dimenticarsene. L’utente che effettua le ricerche diventa sempre più furbo e i competitors si fanno via via sempre più forti. Se vuoi ottenere il massimo dalle tue campagne online avrai bisogno di ottimizzare e modificare costantemente i settaggi.

2. Quota impressioni

Quota Impressioni Google AdWords
  • Cos’è: la Quota Impressioni è il rapporto sul numero di impressioni che hai ricevuto in confronto con il numero totale di impressioni che potenzialmente avresti potuto ricevere. Detto in altre parole questo punteggio mostra quanto spesso i tuoi annunci vengono mostrati quando avvengono ricerche rilevanti.
  • Su cosa influisce: le impressioni possono essere perse a causa di uno o più motivi:
    • un budget troppo basso
    • un punteggio degli annunci troppo basso
    • la corrispondenza delle parole chiave
  • Dove trovarlo: il valore di quota impressioni è disponibile nella tabella della campagne o dei gruppi di annunci. Se non lo vedi lo puoi attivare cliccando su Campagne > Colonne > Personalizza colonne > Metriche concorrenza > Aggiungi e salva.
  • Perchè è interessante: perchè se i tuoi annunci non vengono mostrati non riceverai mai un click.

3. Punteggio Qualità

Punteggio Qualità Google AdWords
  • Cos’è: il Punteggio Qualità è un valore che misura la rilevanza che tuoi annunci, parole chiave e landing pages hanno rispetto alle ricerche effettuate dagli utenti. I fattori che influenzano il Punteggio Qualità sono il CTR, la storia dell’account, la qualità della landing page e i dispositivi target degli annunci giusto per dirne alcuni.
  • Su cosa influisce:
    • il Punteggio Qualità influenza quando le tue parole chiave saranno eligibili per entrare in asta
    • a quanto ammonterà il tuo costo per click (CPC)
    • la posizione nella quale il tuo annuncio comparirà nelle SERP
  • Dove trovarlo: per vedere il tuo punteggio qualità clicca su Campagne > Parole chiave > Colonne > Attributi > Punteggio qualità > Aggiungi e salva
  • Perchè è interessante: perchè con un Punteggio Qualità basso (generalmente inferiore a 7), pagherai di più di quello che dovresti e gli annunci compariranno in posizioni inferiori.

4. La percentuale di clic (CTR)

CTR Google AdWords
  • Cos’è: il CTR è il rapporto tra le volte che il tuo annuncio è cliccato sulle visualizzazioni che ha ricevuto
  • Su cosa influisce:
    • Principalmente influisce sul Punteggio Qualità
    • La rilevanza dei tuoi annunci, maggiore è il CTR e maggiore è la rilevanza percepita da AdWords tra annunci e ricerche effettuate
  • Dove trovarlo: dovresti poter vedere il CTR per annunci e parole chiave come impostazione di default per AdWords. Se non lo vedi puoi aggiungerlo cliccando su Colonne > Personalizza Colonne > CTR > Aggiungi e salva.
  • Perchè è interessante: il CTR è il miglior indicatore per la rilevanza generale ed efficienza dei tuoi annunci. Se chi cerca non trova i tuoi annunci vuol dire che le tue parole chiave sono poco rilevanti e i click saranno di conseguenza molto pochi.

5. Test degli annunci e ottimizzazione delle landing pages

Testa i tuoi annunci regolarmente. Se hai un traffico sufficiente (100/mese), dovresti essere in grado di determinare il migliore in circa 3 settimane. Ogni annuncio (o gruppo di annunci) dovrebbe avere una sola landing page che rispecchia le frasi e i messaggi precedentemente mostrati. Testare la resa di più landing pages differenti è divenuto molto semplice grazie ai diversi strumenti attualmente disponibili sul mercato ed è una attività che andrebbe sempre svolta.

Sommario

Se ti avanzano 5 minuti di tempo, esegui un breve audit di queste metriche sul tuo account per farti una buona idea di quali potrebbero essere i punti di forza o di debolezza. Non finisce mai l’attività di ottimizzazione ed è cosa giusta mantenere monitorate tutte le variabili.

Articoli correlati

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’expertise di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1121 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Affidati alla nostra esperienza per fare la differenza.
Richiedi un preventivo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità SEO e Google Ads?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.