Skip to content
Hai mai avuto il presentimento di essere stalkerato su internet? Non ti è mai capitato, dopo aver cercato un volo aereo online, di vedere per settimane intere soltanto annunci pubblicitari per la tratta che ti interessava? Ecco, quello è il remarketing.

Il Remarketing (chiamato anche retargeting) è un particolare tipo di Advertising PPC che permette di raggiungere gli utenti che hanno precedentemente visitato il tuo sito web. Questa funzione è disponibile in Google Ads e Facebook Ads giusto per citarne un paio. Personalmente uso il Remarketing dal primo giorno in cui fu reso disponibile su AdWords nel 2010 e devo ammettere che questo tipo di campagna PPC è tra i più efficienti e performanti che abbiamo a disposizione.

https://youtu.be/k6dTtcYBBFI

Come funziona

L’utente atterra sulla pagina X del tuo sito e uno script genera un cookie nel suo browser. Quando l’utente esegue altre ricerche su Google oppure naviga su altri siti che usano Adsense, la rete AdWords riconosce l’utente e gli mostra gli annunci di remarketing.

Riuscire ad individuare gli utenti che hanno già visitato il tuo sito è grande vantaggio perchè puoi sfruttare la tua trust per invitare di nuovo la persona a visitare una pagina, magari con una offerta speciale dedicata.

Il remarketing lavora a livello di pagina visitata quindi è possibile segmentare i visitatori in base all’interesse dimostrato per specifici servizi o prodotti. Una volta che l’utente entra nella tua lista di remarketing puoi raggiungerlo di nuovo attraverso banner grafici oppure direttamente nei risultati di ricerca di Google, legando il remarketing a determinate parole chiave. Ad esempio: l’utente Tizio visita la pagina delle camicie sul tuo ecommerce, a questo punto puoi creare una lista di parole chiave generiche sulle camicie ed inserire l’utente in modo che se dovesse cercare di nuovo camicie online vedrà il tuo annuncio dedicato. Così facendo è possibile sfruttare parole chiave generiche in ambiti molto specifici e mirati.

Tag di remarketing

Il concetto sul quale si basa il sistema di remarketing è lo stesso sia per Google Ads che per Facebook. Per iniziare a utilizzare il remarketing è necessario inserire un tag, ovvero un breve snippet di codice, nella pagina o nelle pagine da tracciare.

In questo video ufficiale viene spiegato come inserire il tag di remarketing nel sito web:

Il remarketing di Google Ads può essere implementato sia con i tag sia attraverso Google Analytics, con Facebook invece è possibile soltanto attraverso la specifica tag.

In questi video viene spiegato come gestire il Remarketing con Analytics:

Remarketing with Google Analytics Overview

Webinar: Introduction to Remarketing with Google Analytics

Elenchi per il remarketing

Dopo aver aggiunto il tag di remarketing al sito ti consiglio di definire differenti elenchi per le sezioni del sito che ti interessa ri-pubblicizzare. Ad esempio puoi generare la lista di tutti gli utenti che hanno visitato la sezione “camicie” del tuo eCommerce oppure tutti gli utenti che hanno visitato la pagina di uno specifico servizio o prodotto.

Con le regole, puoi creare tutti gli elenchi desiderati senza dover aggiungere altre tag ai tuoi siti.

A questo punto puoi creare una campagna con un messaggio specifico da proporre solo agli utenti di uno specifico elenco, mentre effettuano ricerche su Google o visitano altri siti della Rete Display. I tuoi messaggi di remarketing non vengono mostrati agli utenti non inclusi nell’elenco.

I vantaggi del remarketing

La vera forza del remarketing è quella di poter profilare offerte specifiche per chi ha visitato il tuo sito senza effettuare conversioni. Hai presente quando aggiungi un prodotto nella tua Whis-list e poco dopo ti arriva un’offerta scontata proprio per quel prodotto? Il concetto è molto simile.

Una campagna di remarketing ben impostata offre tassi di conversione generalmente più alti delle altre campagne per i seguenti motivi:

  • fattore trust: l’utente conosce già il tuo sito e quindi potrebbe avere maggior fiducia ad acquistare
  • fattore interesse: sapendo cosa interessa all’utente puoi creare annunci ed offerte dedicate particolarmente vantaggiose
  • fattore ricorrenza: a furia di vedere il tuo annuncio l’utente potrebbe lasciarsi convincere…

Quando gli utenti atterrano su una pagina taggata con script di remarketing (che sia Google o Facebook) viene generato nel loro browser un cookie con informazioni estratte dal tag (elenco di remarketing, prezzo, landing, …).

Il cookie serve ad identificare in modo univoco un browser web su uno specifico computer, non una persona. Se condividi il computer con altre persone potresti visualizzare annunci destinati ad altri perchè non è detto che sia stato tu ad attivare il cookie.

Infografica Remarketing

Come funziona il Remarketing

Articoli correlati

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’esperienza di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1150 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Richiedi un preventivo ora e scopri la differenza tra noi e gli altri.
Richiedi un preventivo

Vuoi ricevere un avviso al mese con le nuove guide pubblicate?

Iscriviti alla newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.