Skip to content

La “Consent Mode” di Google è un utile strumento per i gestori di siti web che desiderano conformarsi alle preferenze degli utenti in merito ai cookie e alla privacy, specialmente in conformità con normative come il GDPR europeo.

Questo strumento opera in sinergia con una piattaforma di gestione del consenso (CMP, l’interfaccia di selezione per intenderci), la quale registra le scelte degli utenti riguardo ai cookie (accettati o rifiutati).

La Consent Mode semplifica la gestione del consenso degli utenti alla gestione dei tracciamenti e dei cookie e garantisce che i dati degli utenti vengano utilizzati solo in base alle loro scelte.

  • L’utente imposta le proprie preferenze sui cookie tramite la CMP integrata nel sito web.
  • La CMP trasmette le preferenze dell’utente alla Consent Mode di Google.
  • La Consent Mode regola il comportamento dei tag e degli script di Google sul sito web, rispettando le scelte dell’utente.
  • La Consent Mode semplifica la gestione del consenso e assicura che i dati degli utenti siano utilizzati esclusivamente in base alle loro preferenze.
  • Rispetto della privacy degli utenti: Garantisce che i dati vengano raccolti e utilizzati solo conformemente alle preferenze degli utenti.
  • Migliore raccolta dati: Favorisce l’ottenimento di dati più accurati sulle conversioni, anche se gli utenti non accettano tutti i cookie.
  • Facilità di configurazione: Semplifica la gestione dei tag e degli script di Google in base al consenso dell’utente.

È fondamentale tenere presente che la Consent Mode è uno strumento complementare e non sostituisce la necessità di avere una strategia completa per la privacy dei dati. Integrarla nella tua strategia di web marketing può contribuire significativamente a migliorare il tracciamento delle conversioni con Google Ads e Google Analytics 4, migliora l’esperienza degli utenti sul tuo sito web e a garantire il rispetto delle normative sulla privacy.

Nell’ambito del search marketing, la gestione del consenso degli utenti è diventata una questione di primaria importanza, specialmente alla luce delle normative sulla privacy sempre più stringenti. Google, consapevole di queste esigenze, ha introdotto una versione avanzata del Consent Mode tramite Google Tag Manager a partire da settembre 2022. Questo strumento rappresenta un passo significativo verso un equilibrio tra le necessità di tracciamento delle conversioni e il rispetto della privacy degli utenti.

Consent Mode è una funzionalità progettata da Google per consentire ai gestori di siti web di adeguarsi alle preferenze di consenso degli utenti, con un impatto diretto sul tracciamento delle conversioni.

Questo strumento permette di registrare le conversioni mantenendo un elevato rispetto della scelta degli utenti in termini di tracciamento dei dati, una mossa fondamentale nell’era della privacy digitale.

Caratteristiche Principali e Benefici

  • Gestione Avanzata del Consenso: Consent Mode permette di adattare il tracciamento delle conversioni basandosi sulle preferenze espresse dall’utente, garantendo che le attività di marketing siano conformi alla normativa sulla privacy.
  • Integrazione con Google Analytics 4 e Google Ads: Questa funzionalità è progettata per funzionare in maniera ottimale con gli strumenti di Google, come GA4 e Google Ads, facilitando una gestione del consenso focalizzata sui servizi Google.
  • Compatibilità con Strumenti di Terze Parti: Pur non essendo uno strumento di consent management a sé stante e non fornendo direttamente un banner di consenso, il Consent Mode può essere integrato efficacemente con soluzioni di terze parti come iubenda o Cookiebot, arricchendo così le informazioni disponibili per la gestione del consenso.
  • Analisi delle Conversioni Post-Consentimento: Un vantaggio significativo offerto da Consent Mode è la possibilità di analizzare il comportamento degli utenti che optano per non essere tracciati, offrendo così insight preziosi sulle conversioni che avvengono al di fuori dei tradizionali canali di tracciamento.

Implementazione nel Rispetto della Privacy

L’introduzione di Consent Mode attraverso Google Tag Manager segna un passo importante verso una gestione più etica e rispettosa della privacy del consenso utente nel marketing digitale. Grazie a questa funzionalità, i marketer possono ora tracciare le conversioni in modo più rispettoso, rispondendo non solo alle esigenze aziendali ma anche a quelle degli utenti sempre più attenti alla propria privacy.

L’adozione di Consent Mode rappresenta una strategia indispensabile per i professionisti del search marketing che desiderano rimanere all’avanguardia nel rispetto delle normative sulla privacy, garantendo al contempo la raccolta di dati essenziali per le loro campagne pubblicitarie.

Ricapitolando:

  • Da settembre 2022 Google Tag Manager rende disponibile nuova versione per la gestione delle preferenze degli utenti.
  • Funzionalità introdotta da Google per gestire il consenso degli utenti con finalità di marketing ma nel rispetto della privacy.
  • La CM permette di tracciare le conversioni nel pieno rispetto degli utenti.
  • Permette il tracciamento delle conversioni a prescindere dalla scelta dell’utente di venire tracciato o no.
  • La CM vale solo per i servizi di Google: GA4 e GAds, ma non per Facebook o altri pixel.
  • La CM non è uno strumento di consent management, non crea il banner per la scelta, ma si affianca a strumenti come Iubenda, Cookiebot, etc, ampliandone le informazioni.

https://support.google.com/google-ads/answer/10548233?hl=it

Nell’ambito del miglioramento continuo delle pratiche di privacy online e della gestione dei dati degli utenti, nel 2024 Google ha introdotto una versione aggiornata del suo Consent Mode, nota come versione 2 (v2). Questa evoluzione rappresenta un passo avanti significativo rispetto alla versione precedente (v1), portando con sé un insieme di funzionalità avanzate e miglioramenti che mirano a ottimizzare la raccolta e l’uso dei dati nel rispetto del consenso degli utenti.

Guida ufficiale per Configurare la modalità di consenso sui siti web:

Vediamo le novità introdotte con Consent Mode v2, evidenziando come queste innovazioni possano beneficiare gli operatori del marketing digitale e i proprietari di siti web.

Miglioramenti nella Gestione del Consenso

Consent Mode v2 introduce miglioramenti significativi nella gestione del consenso degli utenti, offrendo una maggiore flessibilità e controllo. Una delle caratteristiche principali è la capacità di adeguarsi dinamicamente alle preferenze di consenso degli utenti in tempo reale, garantendo che le modifiche siano riflettute immediatamente nel tracciamento e nella raccolta dei dati.

Maggiore controllo sui dati:

  • Consenso per tipo di dati: Permette agli utenti di scegliere quali tipi di dati possono essere utilizzati, come ad esempio dati di navigazione o dati demografici.
  • Consenso per finalità: Permette agli utenti di scegliere per quali finalità i loro dati possono essere utilizzati, come ad esempio per la pubblicità personalizzata o per il miglioramento del prodotto.

Migliore accuratezza dei dati:

  • Modellazione avanzata delle conversioni: Permette di stimare le conversioni con maggiore precisione anche per gli utenti che non hanno acconsentito all’utilizzo dei cookie.
  • Dati aggregati per segmenti di pubblico: Fornisce dati aggregati sul comportamento degli utenti, anche per quelli che non hanno acconsentito, consentendo comunque di ottenere informazioni utili.

Ampliamento della Copertura dei Servizi Google

Mentre la v1 si concentrava principalmente su Google Analytics 4 (GA4) e Google Ads (GAds), la v2 estende la sua compatibilità a una gamma più ampia di prodotti Google, inclusi strumenti e piattaforme che non erano precedentemente supportati. Questo significa che gli utenti possono ora gestire il consenso in modo più coerente attraverso vari servizi Google, migliorando l’integrazione dei dati e la coerenza del tracciamento.

Integrazione Migliorata con Strumenti di Terze Parti

La v2 rafforza la capacità di Consent Mode di lavorare in sinergia con soluzioni di consent management di terze parti. Ciò è particolarmente importante per i siti web che utilizzano diverse tecnologie per il tracciamento e la gestione del consenso, consentendo loro di mantenere una gestione del consenso uniforme e centralizzata, anche in ambienti complessi.

Analisi Approfondite sulle Conversioni

Una delle aggiunte più rilevanti in Consent Mode v2 è l’arricchimento delle capacità analitiche relative alle conversioni. Questa versione fornisce insight più dettagliati sulle attività degli utenti che hanno negato il consenso al tracciamento, offrendo ai marketer dati preziosi per comprendere meglio il comportamento del pubblico e ottimizzare le strategie di marketing anche in assenza di dati completi di tracciamento.

Miglioramenti nella Privacy e nella Trasparenza

Consent Mode v2 pone un’accentuata enfasi sulla privacy e sulla trasparenza, allineandosi strettamente con le normative globali sulla protezione dei dati, come il GDPR in Europa e altre legislazioni simili in tutto il mondo. Questo aggiornamento mira a fornire agli utenti un controllo ancora maggiore sulle loro informazioni personali, rafforzando la fiducia e il rispetto tra i siti web e i loro visitatori.

Implementazione e Configurazione Semplificate

Infine, Google ha lavorato per rendere la v2 più accessibile e facile da implementare per i webmaster e i professionisti del marketing. Questo include documentazione aggiornata, migliori pratiche e strumenti di configurazione che guidano l’utente attraverso il processo di setup, rendendo più semplice l’adozione di Consent Mode senza richiedere competenze tecniche avanzate.

Consent Mode v2 rappresenta un importante avanzamento nella gestione del consenso utente e nella raccolta di dati responsabile. Con le sue funzionalità estese, miglior integrazione con servizi e strumenti, sia di Google che di terze parti, e un forte impegno verso la privacy degli utenti, Consent Mode v2 è posizionato come uno strumento essenziale per i professionisti del marketing digitale e i proprietari di siti web che cercano di navigare nel complesso panorama della privacy online. Attraverso l’implementazione di questa tecnologia avanzata, è possibile non solo rispettare la normativa sulla privacy, ma anche migliorare l’efficacia delle campagne di marketing, garantendo allo stesso tempo un’esperienza utente rispettosa e trasparente.

Ecco alcuni approfondimenti sull’implementazione della Google Consent Mode v2 e l’integrazione con Google Tag Manager:

  1. Implement consent mode with server-side Tag Manager | Google Tag Manager – Server-side | Google for Developers: Questo documento fornisce informazioni dettagliate per gli sviluppatori che desiderano implementare la Consent Mode con Google Tag Manager lato server. Spiega come funziona la Consent Mode, cosa è necessario per implementarla e come influisce sul comportamento dei tag di Google.
  2. Tag Manager consent mode support: Questo articolo fornisce istruzioni su come configurare la modalità di consenso in Google Tag Manager. Descrive le funzionalità di gestione del consenso in Tag Manager, come impostare il trigger di inizializzazione del consenso e fornisce informazioni su come integrare la Consent Mode con i tag di Google Analytics e Google Ads.
  3. Google Consent Mode implementation | Cookie Information Support Center: Questo articolo fornisce una guida dettagliata sull’implementazione della Google Consent Mode v2. Spiega come configurare correttamente la Consent Mode, fornendo istruzioni passo dopo passo per l’integrazione tramite il codice sorgente del sito web o tramite Google Tag Manager.
  4. Add native support of GTM’s Consent Mode (GCM) · Issue #110 · orestbida/cookieconsent: Questa pagina presenta una discussione su GitHub riguardante l’aggiunta del supporto nativo della Consent Mode di GTM. Viene proposta una soluzione per integrare la Consent Mode direttamente con Google Tag Manager, offrendo informazioni utili per l’implementazione.

Spazio polemica

Viviamo in un’era in cui i problemi globali sembrano accumularsi come nuvole all’orizzonte, ci si aspetterebbe che i leader europei concentrassero ogni frammento della loro attenzione e risorse verso queste pressanti sfide.

È ironico pensare che, mentre il mondo affronta problemi di proporzioni bibliche – guerre che sradicano vite e sogni, l’inquinamento che soffoca il nostro pianeta e la biodiversità che declina a ritmi allarmanti – sorprendentemente, una delle priorità dei politici europei sembra essere assicurarsi che ogni sito web ci avvisi della presenza di cookie attraverso banner e popup, un’esigenza che, francamente, molti di noi trovano eccessiva.

Questo scenario solleva interrogativi sulla distribuzione delle priorità e sull’efficacia delle politiche volte a proteggere la privacy online degli utenti in un mondo che affronta sfide ben più gravi e immediate.

La preoccupazione per la privacy, benché fondamentale, si è trasformata in un esercizio di clic forzato più che in una reale scelta di consenso informato.

Articoli correlati

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’expertise di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1129 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Affidati alla nostra esperienza per fare la differenza.
Richiedi un preventivo

Non perderti altre guide, iscriviti per ricevere un avviso mensile con gli aggiornamenti del blog!

Iscriviti alla newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.