Skip to content

K-means è un algoritmo di clustering, una tecnica di apprendimento automatico, non supervisionato, utilizzata per raggruppare dati simili in cluster.

L’obiettivo dell’algoritmo K-means è quello di minimizzare la somma delle distanze quadrate tra i dati e il centroide del cluster a cui appartengono, suddividendo un insieme di dati in un numero prestabilito di cluster. In altre parole, viene usato per suddividere un insieme di dati in un numero prestabilito di cluster, in modo che i dati all’interno di ogni cluster siano il più simili possibile tra loro e il più dissimili possibile rispetto ai dati negli altri cluster.

Apprendimento automatico?

L’apprendimento automatico è un’area dell’informatica che si occupa di sviluppare algoritmi e modelli in grado di apprendere da dati senza essere esplicitamente programmato per farlo. In pratica, gli algoritmi di apprendimento automatico utilizzano dati di input per imparare a fare previsioni su nuovi dati, senza la necessità di essere esplicitamente programmato per elaborare tali previsioni. L’apprendimento automatico può essere suddiviso in diverse categorie, tra cui apprendimento supervisionato, apprendimento non supervisionato e apprendimento per rinforzo.

L’apprendimento automatico non supervisionato è una tecnica di apprendimento automatico in cui un algoritmo cerca di trovare strutture e pattern nei dati senza utilizzare etichette o informazioni di output predefinite. A differenza dell’apprendimento supervisionato, in cui gli algoritmi utilizzano dati etichettati per addestrare un modello a fare previsioni su nuovi dati, nell’apprendimento non supervisionato, gli algoritmi cercano di identificare strutture e pattern nei dati senza che sia presente una variabile di output o una risposta predefinita.

L’apprendimento automatico non supervisionato è importante perché consente di identificare strutture e pattern nascosti nei dati che possono essere utili in diverse applicazioni. Ad esempio, le aziende possono utilizzare l’apprendimento automatico non supervisionato per identificare segmenti di mercato nascosti o per individuare anomalie nei dati che possono indicare problemi o opportunità di business. Inoltre, l’apprendimento automatico non supervisionato può essere utilizzato per semplificare l’elaborazione dei dati, ridurre il rumore nei dati e identificare le caratteristiche più importanti di un set di dati. Tutto ciò può portare a decisioni migliori e più informate in diverse aree, come il marketing, la finanza e la ricerca scientifica.

Gli algoritmi di apprendimento non supervisionato sono utilizzati in molte applicazioni diverse, tra cui, ad esempio:

  • Clustering: utilizzato per raggruppare dati simili insieme. Ad esempio, le aziende possono utilizzare il clustering per segmentare i clienti in gruppi simili in base ai loro acquisti o comportamenti online.
  • Riduzione della dimensionalità: una tecnica di apprendimento non supervisionato utilizzata per ridurre il numero di variabili in un set di dati. Ad esempio, la riduzione della dimensionalità può essere utilizzata per semplificare l’elaborazione delle immagini o per identificare le caratteristiche più importanti di un set di dati.
  • Analisi delle componenti principali: utilizzata per identificare le componenti principali di un set di dati. Ad esempio, l’analisi delle componenti principali può essere utilizzata per identificare i fattori più importanti che influenzano il successo di un’azienda.
  • Apprendimento associativo: utilizzato per identificare relazioni tra diverse variabili. Ad esempio, l’apprendimento associativo può essere utilizzato per identificare i prodotti che spesso vengono acquistati insieme in un negozio.

Queste tecniche sono spesso utilizzate in molte applicazioni, come ad esempio l’analisi dei dati, la segmentazione del mercato, la rilevazione di anomalie, la profilazione dei clienti, l’elaborazione delle immagini ed il riconoscimento di modelli.

La nascita di KMeans

K-means è un algoritmo di clustering utilizzato per raggruppare insieme i punti di dati simili in un set di dati. L’algoritmo è stato sviluppato per la prima volta da Stuart Lloyd nel 1957, ma è stato pubblicato solo in forma completa da James MacQueen nel 1967. Negli anni ’90, K-means è diventato uno degli algoritmi di clustering più popolari e viene utilizzato in molte applicazioni diverse, tra cui l’analisi dei dati, la segmentazione del mercato, l’elaborazione delle immagini ed il riconoscimento di modelli o pattern. K-means è stato anche esteso in molte varianti, come K-medoids, K-medioids e K-harmonic means, che cercano di affrontare alcune delle limitazioni dell’algoritmo originale.

Come funziona KMeans

L’algoritmo K-means inizia assegnando casualmente dei centroidi iniziali, ovvero dei punti che rappresentano il centro di ogni cluster. Quindi, per ogni punto dati, l’algoritmo calcola la distanza da ciascun centroide per determinare quale cluster minimizza la distanza tra il punto e il centroide, e assegna il punto a quel cluster. Dopo aver assegnato tutti i punti al cluster, l’algoritmo calcola il nuovo centroide per ogni cluster, utilizzando la media dei punti assegnati al cluster. Questo processo viene ripetuto fino a quando i centroidi non cambiano più o fino a quando viene raggiunto un numero massimo di iterazioni, ma l’algoritmo potrebbe convergere a un minimo locale, il che significa che potrebbe non trovare la soluzione ottimale.

L’algoritmo K-means è ampiamente utilizzato in diversi campi, tra cui la ricerca di pattern, il riconoscimento di immagini, l’analisi dei dati e la segmentazione del mercato. In ambito SEO, K-means può essere utilizzato per l’analisi dei dati di ricerca, il clustering di parole chiave e l’analisi dei backlink.

L’algoritmo K-means richiede una buona conoscenza dell’analisi dei dati e dell’algebra lineare per poter essere utilizzato efficacemente. Tuttavia, esistono diverse librerie e framework che semplificano l’utilizzo di K-means, come scikit-learn per Python o la libreria clusterR per R.

Scegliere il numero appropriato di cluster (K) è un passo cruciale nell’utilizzo dell’algoritmo K-means e può influenzare significativamente i risultati ottenuti.

Come usare KMeans per la SEO?

Il clustering è una tecnica molto utilizzata per l’analisi dei dati in ambito SEO. Ci sono diverse applicazioni dell’algoritmo K-means nella SEO, tra cui:

  • Identificazione di cluster di parole chiave: l’algoritmo K-means può essere utilizzato per raggruppare le parole chiave in cluster sulla base di similarità semantica, in modo da comprendere meglio quali parole chiave si riferiscono a un determinato argomento e creare contenuti mirati per ciascun gruppo di parole chiave.
  • Analisi delle pagine del sito web: l’algoritmo K-means può essere utilizzato per raggruppare le pagine del sito web in cluster sulla base di metriche come il tempo di permanenza degli utenti, il numero di visualizzazioni della pagina e le conversioni. Questo può aiutare a identificare le pagine del sito che stanno svolgendo un ruolo importante nella generazione di traffico e conversioni.
  • Analisi dei backlink: l’algoritmo K-means può essere utilizzato per raggruppare i backlink in cluster sulla base di metriche come l’autorevolezza del dominio e la qualità dei link in ingresso. Questo può aiutare a identificare i backlink più importanti, a comprendere quali siti web sono più pertinenti per la tua attività e a sviluppare una strategia di link building efficace.
  • Analisi dei dati delle query di ricerca: l’algoritmo K-means può essere utilizzato per raggruppare le query di ricerca in cluster sulla base di fattori come la frequenza delle parole chiave e le intenzioni di ricerca. Questo può aiutare a comprendere meglio come gli utenti cercano il tuo sito web, quali sono le parole chiave più importanti per il tuo business e come personalizzare il contenuto per soddisfare le esigenze degli utenti.

L’algoritmo K-means può essere utilizzato per identificare cluster di dati nella SEO che sono estremamente utili per prendere decisioni più informate e migliorare le strategie. È importante notare che l’uso di K-means richiede una buona conoscenza degli algoritmi di clustering e dell’analisi dei dati; tuttavia, esistono strumenti e librerie disponibili, come scikit-learn per Python o la libreria clusterR per R, che possono semplificare l’implementazione di K-means nelle tue analisi.

Preparazione dei dati

Una corretta preparazione dei dati è fondamentale per l’efficacia dell’algoritmo di clustering, e ci sono diverse tecniche che è possibile utilizzare per preparare i dati per l’algoritmo K-means. Ecco alcuni esempi:

  • Pre-processing dei dati: prima di utilizzare l’algoritmo K-means, potrebbe essere necessario eseguire alcune operazioni di pre-processing sui dati, come la rimozione dei valori mancanti, la gestione dei dati anomali e la riduzione della dimensionalità dei dati (ad esempio, utilizzando l’analisi delle componenti principali o PCA)
  • Normalizzazione dei dati: l’algoritmo K-means utilizza una metrica di distanza (di solito la distanza Euclidea) per calcolare la distanza tra i punti dati. È importante che le variabili del dataset abbiano la stessa scala, in modo che una variabile non sia più influente rispetto alle altre. Pertanto, è necessario normalizzare i dati per garantire che tutte le variabili abbiano la stessa scala, utilizzando tecniche come la normalizzazione min-max o la standardizzazione Z-score.
  • Selezione delle variabili: l’algoritmo K-means funziona meglio quando le variabili utilizzate per il clustering sono pertinenti e significative per il problema. Pertanto, potrebbe essere necessario selezionare solo le variabili rilevanti per il clustering e rimuovere le variabili non pertinenti.
  • Trasformazione dei dati: in alcuni casi, potrebbe essere necessario trasformare i dati in modo da rendere le distribuzioni delle variabili più vicine alla distribuzione normale. Ciò può migliorare l’efficacia dell’algoritmo K-means. Ad esempio, è possibile utilizzare trasformazioni come la trasformazione logaritmica o la trasformazione di Box-Cox.
  • Codifica delle variabili categoriche: se il dataset contiene variabili categoriche, è necessario convertirle in variabili numeriche per l’utilizzo con l’algoritmo K-means. Ci sono diverse tecniche di codifica delle variabili categoriche, come la codifica one-hot e la codifica a bassa varianza.

Una corretta preparazione dei dati è fondamentale per l’efficacia dell’algoritmo K-means. È importante comprendere i dati che si stanno utilizzando e utilizzare le tecniche appropriate per preparare i dati per il clustering. Inoltre, è utile testare diverse tecniche di preparazione dei dati per determinare quale combinazione fornisce i migliori risultati nel tuo caso specifico.

Come si usa?

Ecco un esempio pratico di come utilizzare l’algoritmo KMeans per il clustering.

Supponiamo di avere un dataset di 200 punti dati con due variabili, X e Y. Vogliamo suddividere questi punti in tre cluster. Ecco come potremmo utilizzare l’algoritmo K-means per farlo:

  • Iniziamo selezionando casualmente tre punti dal dataset come centroidi iniziali per i tre cluster.
  • Calcoliamo la distanza tra ciascun punto dati e ciascun centroide, e assegniamo ogni punto al cluster con il centroide più vicino.
  • Calcoliamo il nuovo centroide per ciascun cluster, utilizzando la media dei punti dati assegnati al cluster.
  • Ripetiamo i passaggi 2 e 3 fino a quando i centroidi non cambiano più, o fino a quando non viene raggiunto un numero massimo di iterazioni o una soglia di convergenza.

Ecco un esempio di codice Python che implementa l’algoritmo K-means su un dataset generato casualmente con Numpy:

import numpy as np
from sklearn.cluster import KMeans
import matplotlib.pyplot as plt

# Generiamo casualmente un dataset di 200 punti con due variabili, X e Y
X = np.random.rand(200, 2)

# Creiamo un oggetto KMeans con 3 cluster
kmeans = KMeans(n_clusters=3)

# Eseguiamo l'algoritmo K-means sul dataset
kmeans.fit(X)

# Visualizziamo i centroidi e i punti dati suddivisi nei cluster
plt.scatter(X[:,0], X[:,1], c=kmeans.labels_, cmap='viridis')
plt.scatter(kmeans.cluster_centers_[:, 0], kmeans.cluster_centers_[:, 1], color='red')
plt.show()

In questo esempio, abbiamo utilizzato la libreria scikit-learn per implementare l’algoritmo K-means, poiché è una delle librerie più diffuse e semplici da utilizzare per l’apprendimento automatico in Python. Abbiamo generato casualmente un dataset di 200 punti con due variabili, X e Y, e abbiamo creato un oggetto KMeans con 3 cluster. Abbiamo poi eseguito l’algoritmo K-means sul dataset e abbiamo visualizzato i risultati con un grafico. I centroidi sono rappresentati in rosso e i punti dati sono colorati in base al cluster a cui appartengono.

Questo è solo un esempio semplice di come utilizzare l’algoritmo K-means per il clustering. In pratica, l’algoritmo K-means richiede una buona conoscenza dell’analisi dei dati e dell’algebra lineare per poter essere utilizzato efficacemente.

Selezione del numero di cluster

K-means è un algoritmo che suddivide i dati in un numero prefissato di cluster. La scelta del numero di cluster è un passo critico nell’utilizzo dell’algoritmo K-means, poiché un numero di cluster sbagliato può portare a risultati imprecisi o insoddisfacenti.

Esistono diverse tecniche per selezionare il numero ottimale di cluster. Ecco alcune di queste tecniche:

  • Metodo del gomito: il metodo del gomito è una tecnica semplice ma efficace per selezionare il numero di cluster. Consiste nel tracciare la distorsione media intra-cluster in funzione del numero di cluster. Il punto in cui la distorsione inizia a decrescere in modo meno rapido è considerato il “gomito”, e il numero di cluster corrispondente a questo punto è spesso scelto come numero ottimale di cluster.
  • Silhouette analysis: la silhouette analysis è una tecnica che valuta quanto ogni punto dati è simile al suo cluster rispetto agli altri cluster. La silhouette analysis fornisce un punteggio di silhouette per ogni punto dati, che va da -1 a 1. Un punteggio di silhouette alto indica che il punto dati è ben assegnato al suo cluster, mentre un punteggio di silhouette basso indica che il punto dati potrebbe essere assegnato a un cluster diverso. Il numero di cluster ottimale è quello che massimizza la media dei punteggi di silhouette.
  • Validità esterna: la validità esterna è una tecnica che utilizza informazioni esterne per valutare la bontà dei risultati del clustering. Ad esempio, è possibile utilizzare la validità esterna per valutare la coerenza dei cluster rispetto a una classificazione nota o una variabile esterna.
  • Metodo dell’informazione di Bayes: questo metodo utilizza il criterio dell’informazione di Bayes per selezionare il numero di cluster. Il criterio dell’informazione di Bayes è un criterio di scelta del modello che sceglie il modello con la massima probabilità a posteriori data la probabilità a priori. Questo metodo è utile per la selezione del numero di cluster poiché tiene conto sia della complessità del modello sia delle informazioni fornite dai dati.

La scelta del numero di cluster dipende dal tipo di dati che si stanno utilizzando e dagli obiettivi del clustering. Non esiste un metodo universale per selezionare il numero ottimale di cluster, ma esistono diverse tecniche che possono essere utilizzate in base al contesto specifico del problema.

Visualizzare i dati clusterizzati

La visualizzazione dei dati è un passaggio importante per capire meglio la struttura dei cluster e interpretare i risultati. Ecco alcuni esempi di tecniche di visualizzazione che possono essere utilizzate per rappresentare i cluster:

  • Scatter plot: il grafico a dispersione è un’ottima tecnica di visualizzazione per rappresentare i cluster. In un grafico a dispersione, ogni punto dati è rappresentato da una coppia di coordinate (x, y) in uno spazio bidimensionale. I punti dati dello stesso cluster vengono colorati in modo simile e possono essere facilmente distinti dagli altri cluster. Ad esempio, è possibile utilizzare Matplotlib o Seaborn per creare grafici a dispersione in Python.
  • Rappresentazione grafica dei cluster: un’altra tecnica di visualizzazione efficace è la rappresentazione grafica dei cluster. Questa tecnica consente di rappresentare i cluster in uno spazio multidimensionale e di visualizzare la struttura dei cluster. Ad esempio, è possibile utilizzare la libreria Plotly per creare visualizzazioni tridimensionali dei cluster in Python.
  • Visualizzazione dei centroidi: i centroidi sono i punti medi di ogni cluster. La visualizzazione dei centroidi può aiutare a identificare i pattern all’interno dei cluster. Ad esempio, è possibile utilizzare un grafico a barre per visualizzare i valori dei centroidi per ogni variabile.
  • Mappe di calore: le mappe di calore possono essere utilizzate per visualizzare la correlazione tra le variabili nel dataset. Ciò può aiutare a identificare le variabili che sono più importanti per la formazione dei cluster. Ad esempio, è possibile utilizzare la libreria Seaborn per creare mappe di calore in Python.
  • Grafici di contorno: i grafici di contorno possono essere utilizzati per visualizzare la distribuzione delle variabili all’interno di ogni cluster. Ciò può aiutare a identificare i pattern all’interno di ogni cluster. Ad esempio, è possibile utilizzare la libreria Seaborn per creare grafici di contorno in Python.

La visualizzazione dei risultati del clustering è un passo importante per comprendere meglio i cluster e interpretare i risultati. Ci sono molte tecniche di visualizzazione diverse che possono essere utilizzate, e la scelta della tecnica dipende dal tipo di dati e dagli obiettivi del clustering.

Vediamo un esempio pratico di script per visualizzare i risultati del clustering in 3D utilizzando la libreria Matplotlib in Python:

import numpy as np
import matplotlib.pyplot as plt
from mpl_toolkits.mplot3d import Axes3D

# Dati di esempio
X = np.array([[1, 2, 3], [4, 5, 6], [7, 8, 9], [10, 11, 12], [13, 14, 15], [16, 17, 18]])

# Eseguire il clustering con K-means
from sklearn.cluster import KMeans
kmeans = KMeans(n_clusters=3)
kmeans.fit(X)

# Visualizzazione dei risultati del clustering in 3D
fig = plt.figure()
ax = fig.add_subplot(111, projection='3d')

colors = ['b', 'g', 'r', 'c', 'm', 'y', 'k']

for i in range(len(X)):
    ax.scatter(X[i][0], X[i][1], X[i][2], c=colors[kmeans.labels_[i]])

ax.scatter(kmeans.cluster_centers_[:, 0], kmeans.cluster_centers_[:, 1], kmeans.cluster_centers_[:, 2], marker='*', s=200, c='#050505')

ax.set_xlabel('X Label')
ax.set_ylabel('Y Label')
ax.set_zlabel('Z Label')

plt.show()

In questo script, prima di tutto generiamo dei dati di esempio in un array numpy 2D. Successivamente, eseguiamo il clustering con K-means con 3 cluster utilizzando la libreria scikit-learn. Infine, utilizziamo la libreria Matplotlib per visualizzare i risultati del clustering in un grafico tridimensionale.

Nella funzione scatter di Matplotlib, passiamo i dati x, y, z come argomenti, e utilizziamo l’etichetta del cluster (calcolata tramite kmeans.labels_) per selezionare il colore di ogni punto. Infine, utilizziamo la funzione scatter di Matplotlib per visualizzare i centroidi dei cluster.

Nota che il codice sopra è solo un esempio e che i parametri del modello, come il numero di cluster, e le variabili di input, come i dati di esempio, devono essere personalizzati in base al problema specifico che si sta affrontando.

Quali sono i punti di forza di KMeans?

L’algoritmo K-means ha diversi punti di forza che lo rendono un metodo di clustering popolare e ampiamente utilizzato sia in ambito SEO che tra i Data Scientist, tra cui:

  • Efficienza: l’algoritmo K-means è molto efficiente e può gestire grandi dataset con molti punti dati.
  • Semplicità: l’algoritmo K-means è relativamente semplice e facile da implementare, soprattutto rispetto ad altri algoritmi di clustering.
  • Scalabilità: l’algoritmo K-means può essere facilmente parallelizzato e distribuito su cluster di calcolo per aumentare la velocità di elaborazione.
  • Flessibilità: l’algoritmo K-means può essere utilizzato con diverse metriche di distanza e può essere personalizzato per soddisfare le specifiche esigenze del problema di clustering.
  • Convergenza: l’algoritmo K-means tende a convergere rapidamente, anche se non garantisce sempre una soluzione ottimale. Questo può essere un vantaggio in termini di tempo di elaborazione.
  • Interpretabilità: i risultati dell’algoritmo K-means possono essere facilmente interpretati e visualizzati, ad esempio attraverso la rappresentazione grafica dei cluster.
  • Popolarità: l’algoritmo K-means è uno dei metodi di clustering più popolari e ampiamente utilizzati, il che significa che ci sono molte risorse disponibili per imparare e utilizzare l’algoritmo.

L’algoritmo K-means è un metodo di clustering efficiente e flessibile che può essere utilizzato per una vasta gamma di problemi di clustering. Tuttavia, come ho menzionato nella risposta precedente, è importante comprendere i suoi limiti per utilizzarlo in modo efficace.

Quali sono i limiti di KMeans?

L’algoritmo K-means è un metodo di clustering ampiamente utilizzato e ha dimostrato di essere efficace in molte applicazioni, tra cui il raggruppamento di parole chiave e l’analisi dei contenuti. Tuttavia, come ogni algoritmo, ha anche alcuni limiti. Alcuni dei principali limiti dell’algoritmo K-means sono i seguenti:

  • Dipendenza dai centroidi iniziali: l’algoritmo K-means può essere sensibile alla scelta dei centroidi iniziali, il che significa che se i centroidi iniziali vengono scelti in modo sbagliato, l’algoritmo potrebbe convergere verso un risultato sub-ottimale. Per superare questo limite, è possibile utilizzare metodi come K-means++ per una migliore inizializzazione dei centroidi.
  • Sensibilità ai dati anomali: l’algoritmo K-means può essere influenzato da dati anomali, ovvero punti dati che sono significativamente diversi dagli altri punti del dataset. Questo può portare a risultati imprecisi o addirittura errati. Per gestire i dati anomali, è possibile rimuoverli in anticipo o utilizzare algoritmi di clustering più robusti come DBSCAN o HDBSCAN.
  • Sensibilità alla forma dei cluster: l’algoritmo K-means funziona meglio quando i cluster hanno una forma sferica e sono ben separati. Se i cluster hanno forme irregolari o si sovrappongono, l’algoritmo K-means potrebbe non essere in grado di suddividere i punti dati in modo efficace. In queste situazioni, algoritmi come Spectral Clustering o DBSCAN potrebbero essere più adatti.
  • Dipendenza dal numero di cluster: l’algoritmo K-means richiede di specificare il numero di cluster in anticipo. Se il numero di cluster venisse scelto in modo sbagliato, l’algoritmo potrebbe non riuscire a suddividere i punti dati in modo efficace. Per scegliere il numero ottimale di cluster, è possibile utilizzare metodi come il metodo del gomito o l’analisi delle silhouette.
  • Sensibilità alla scala dei dati: l’algoritmo K-means è sensibile alla scala dei dati, il che significa che se le variabili del dataset avessero scale diverse, l’algoritmo potrebbe non funzionare correttamente. Per mitigare questo problema, è importante normalizzare o standardizzare i dati prima di applicare K-means.

In generale, l’algoritmo K-means è un metodo di clustering potente e utile, ma è importante comprendere i suoi limiti per poter utilizzarlo in modo efficace e ottenere risultati precisi. In alcuni casi, potrebbe essere necessario utilizzare altri algoritmi di clustering che sono meno sensibili ai limiti di K-means.

Quali alternative ci sono a KMeans?

Ci sono diverse alternative moderne all’algoritmo K-means per il clustering, alcune delle quali sono:

  • Algoritmi di clustering gerarchici: questi algoritmi creano una struttura ad albero che mostra come i cluster sono gerarchicamente correlati tra loro. I due principali tipi di algoritmi di clustering gerarchici sono il clustering agglomerativo e il clustering divisivo.
  • DBSCAN: Density-Based Spatial Clustering of Applications with Noise (DBSCAN) è un algoritmo di clustering che identifica i cluster in base alla densità dei punti dati. DBSCAN è utile quando si lavora con dataset con densità irregolare.
  • Mean-shift clustering: questo algoritmo di clustering individua i centroidi dei cluster calcolando le regioni di massima densità dei punti dati. È utile quando si lavora con dataset di grandi dimensioni.
  • Clustering basato su modelli misti: questi algoritmi utilizzano modelli di probabilità per raggruppare i dati in cluster. Esempi di clustering basato su modelli misti sono il Gaussian Mixture Model (GMM) e il Hierarchical Dirichlet Process (HDP).
  • Spectral clustering: questo approccio di clustering si basa sulla decomposizione degli autovalori della matrice di adiacenza. È utile quando si lavora con dataset non lineari.
  • Affinity Propagation: questo algoritmo di clustering individua i cluster identificando i punti dati che rappresentano i centroidi e poi propagando le informazioni su tutti gli altri punti dati.

La scelta del miglior algoritmo di clustering dipende dalle specifiche esigenze e dal tipo di dati che si stanno analizzando. Inoltre, molti di questi algoritmi richiedono una conoscenza approfondita dell’analisi dei dati e delle tecniche di machine learning, quindi è importante valutare attentamente quale algoritmo è più adatto alle proprie esigenze.

Articoli correlati

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’esperienza di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1144 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Richiedi un preventivo ora e scopri la differenza tra noi e gli altri.
Richiedi un preventivo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità SEO e Google Ads?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.