Skip to content

Oggi desidero condividere con voi una riflessione che mi ha particolarmente toccato e sollevato dubbi sulla direzione attuale della ricerca su Google.

Negli ultimi tempi, abbiamo assistito a un evidente declino nella qualità dei risultati di ricerca di Google. Le SERP (Search Engine Results Pages) sembrano non rispondere più agli standard di qualità e rilevanza che ci aspetteremmo, mostrando spesso contenuti poco pertinenti o di scarsa qualità.

Critiche si sono levate anche contro alcune figure di spicco di Google, come John Mueller, Danny Sullivan, e Gary Illyes, che hanno spesso suggerito di concentrarsi sulla creazione di contenuti unici e originali. Tuttavia, sembra che la realtà del posizionamento SEO non sia più solo una questione di merito, ma sia influenzata anche da altri fattori, come gli interessi commerciali.

In Italia pochissimi ne parlano, la situazione è ulteriormente complicata dal fatto che non tutti i consulenti SEO hanno una piena padronanza dell’inglese o seguono attentamente le dinamiche del mercato globale.

Per approfondire il tema, ho tradotto un articolo di Edward Zitron che esplora in dettaglio questa problematica. Spero che questa traduzione possa offrire a tutti una comprensione più chiara e completa della situazione.


[inizio della traduzione]

Questa è la storia di come la Search di Google è morta e di chi è stato responsabile per la sua morte.

La vicenda prende il via il 5 febbraio 2019, quando Ben Gomes, a capo della ricerca Google, si trovò di fronte a un problema serio.

Ben Gomes
Ben Gomes

Jerry Dischler, all’epoca vicepresidente e direttore generale per la pubblicità presso Google, e Shiv Venkataraman, vicepresidente per l’ingegneria, la ricerca e la pubblicità sulle piattaforme Google, avevano dichiarato un “codice giallo” per i ricavi della ricerca a causa di una, e cito, “costante debolezza nei risultati giornalieri” e del rischio che il trimestre si concludesse molto al di sotto delle aspettative.

Per chi non è familiare con il gergo interno di Google, che richiama quello di Scientology, lasciate che vi spieghi cosa significa. Un “codice giallo” non indica una crisi di gravità moderata, come si potrebbe pensare. Secondo il resoconto dettagliato di Steven Levy su Google, il giallo si riferisce — e prometto che non sto inventando — al colore di una canottiera che Wayne Rosing, ex vicepresidente dell’ingegneria, indossava quando lavorava nell’azienda. Questo codice è l’equivalente di un DEFCON 1 e scatena, come spiegato da Levy, una reazione simile a quella di una sala operativa bellica: i dipendenti vengono strappati dalle loro scrivanie per riunirsi in una sala conferenze, trattando il problema come una priorità assoluta, mettendo da parte ogni altro progetto o preoccupazione.

Dalle email emerse nel contesto del processo antitrust del Dipartimento di Giustizia contro Google, Dischler ha evidenziato diversi fattori che hanno contribuito a questa situazione: la crescita delle query di ricerca era “notevolmente inferiore alle previsioni”, il “timing” nel generare ricavi era significativamente ritardato, e c’erano preoccupazioni vaghe riguardo a “diverse debolezze specifiche degli inserzionisti e del settore” nella ricerca.

È importante sottolineare che, in passato e erroneamente, ho descritto il ‘codice giallo’ come un modo utilizzato da Gomes per evidenziare il rischio che gli annunci di Google si avvicinassero troppo ai risultati di ricerca. In realtà, la situazione era ben più grave: il Codice Giallo era l’eco di un’economia in declino, con il dipartimento delle entrate di Google che suonava l’allarme su una gallina dalle uova d’oro che non produceva abbastanza. Gomes, un veterano di Google da 19 anni e pioniere dei moderni motori di ricerca, si è rivelato una delle rare figure nel campo tecnologico a combattere autenticamente per un principio, solo per essere poi distrutto e sostituito da Prabhakar Raghavan (ricorda questo nome!), un traditore della comunità informatica che ha scelto di schierarsi con il management consultativo. Aggiungendo confusione, uno dei problemi risiedeva nella mancata crescita delle ‘query’, ovvero delle ricerche effettuate dagli utenti su Google, paragonabile a Ford che lamenta la crisi perché gli automobilisti non percorrono abbastanza chilometri sui loro camion.

Solo pochi giorni prima, il 1° febbraio 2019, Kristen Gil, all’epoca vicepresidente e Business Finance Officer di Google, aveva mandato un’e-mail a Shashi Thakur, allora vicepresidente per l’Ingegneria, la Ricerca e Discover di Google, informandolo che il team pubblicitario stava considerando un ‘codice giallo’ per ‘colmare il divario di ricerca che stavano osservando’, facendo un riferimento vago all’importanza di quella crescita per un ‘piano aziendale’ non specificato. Per essere chiari, questa email era una risposta a Thakur che sosteneva che non ci fosse ‘nulla’ che il team di ricerca potesse fare per soddisfare le aspettative di crescita imposte dalla pubblicità.

Shashi ha inoltrato l’e-mail a Gomes, chiedendo se fosse possibile discuterne con Sundar Pichai, CEO di Google, e sottolineando l’impossibilità di garantire una metrica di ‘alta fedeltà’ per gli utenti attivi quotidiani nei servizi di ricerca. Thakur ha espresso un pensiero che mi ha perseguitato da quando ho letto queste email: c’era un motivo valido per cui i fondatori di Google avevano mantenuto separati ricerca e pubblicità.

Il 2 febbraio 2019, solo un giorno dopo, Thakur e Gomes hanno condiviso le loro preoccupazioni con Nick Fox, vicepresidente della ricerca e assistente Google, dando il via a un dibattito che è durato diversi giorni sulla crescente sete di crescita di Google. Questo scambio di email offre uno sguardo inquietante su un mondo tecnologico ossessionato dalla crescita, dove Thakur elenca i numerosi punti di frizione tra i team degli annunci e quello di ricerca, lamentando la difficoltà di ottimizzare l’engagement su Google senza ‘hackerare l’engagement’, un’espressione che indica l’induzione degli utenti a trascorrere più tempo sul sito, il che potrebbe costringerli a deviare da percorsi più efficienti. In una delle email, Fox osserva che esiste ‘una notevole disconnessione tra gli obiettivi di finanza e pubblicità e quelli della ricerca’.

Quando Gomes respinse le continue richieste di aumentare la crescita, Fox ribadì che tutti e tre erano responsabili del dipartimento di ricerca, che rappresentava ‘il motore delle entrate dell’azienda’, e che il compromesso con i team di pubblicità e finanza potrebbe diventare ‘la nuova realtà del loro lavoro’.

Il 6 febbraio 2019, Gomes espresse la sua preoccupazione che la ricerca stesse diventando troppo orientata ai profitti e concluse la sua email affermando di temere che ‘la crescita fosse diventata l’unico obiettivo di Google’.

Il 22 marzo 2019, Darshan Kantak, vicepresidente del Product Management di Google, annunciò la fine del codice giallo. La discussione era stata fino a quel momento dominata da e-mail di congratulazioni, finché Gomes non intervenne lodando il team e affermando che le strategie implementate con il codice avrebbero garantito buoni risultati per l’intero anno.

Prabhakar Raghavan, allora a capo della pubblicità di Google e architetto del codice giallo, rispose con tono brusco, sostenendo che gli obiettivi di entrate erano stati raggiunti grazie a un'”eroica ingegneria RPM”, ma che “la problematica persistenza delle query di base continuava senza essere mitigata”, un modo piuttosto impacciato per ammettere che, nonostante i cambiamenti, la crescita delle query era stagnante.

Il giorno seguente, Gomes scrisse a Fox e Thakur un’e-mail che aveva intenzione di inviare a Raghavan. Iniziò esprimendo il suo disagio sia personale che a nome del team di ricerca. In un lungo messaggio, spiegò come si potrebbe incrementare l’engagement con Google Search, ma specificò che era possibile “aumentare le query a breve termine in modi che potrebbero risultare negativi per l’utente”, come disabilitare la correzione ortografica, interrompere i miglioramenti del ranking o inserire marcatori evidenti – etichette – in tutta la pagina. Aggiunse che “esistevano potenziali compromessi tra diversi tipi di impatti negativi sull’utente causati dall’hacking dell’engagement” e che era “profondamente a disagio con questa direzione”. Sottolineò inoltre che questa era la ragione per cui non considerava le query una metrica adeguata per valutare la ricerca e che la migliore difesa contro la debolezza delle query era creare ‘esperienze utente coinvolgenti che motivino gli utenti a tornare’.

Nel marzo 2019, poco prima della conclusione del codice giallo, ci fu un importante aggiornamento del motore di ricerca di Google, descritto come ‘uno dei più significativi degli ultimi tempi’. Nonostante le aspettative, l’aggiornamento si è limitato per lo più a ripristinare modifiche precedenti, risultando in un incremento del traffico verso siti che erano stati penalizzati dall’aggiornamento ‘Penguin’ del 2012, che mirava specificamente a risultati di ricerca considerati spam, così come quelli influenzati da un aggiornamento del 1 agosto 2018, poco dopo che Gomes era diventato capo della ricerca.

Si può ipotizzare che i tempi dell’aggiornamento di marzo 2019 e l’aumento del traffico verso i siti precedentemente soppressi fossero una risposta diretta al codice giallo, con l’intento di restaurare modifiche fatte in precedenza per mantenere alta la qualità dei risultati di ricerca.

Nel maggio 2019, Google ha implementato una nuova grafica per la visualizzazione degli annunci nella ricerca mobile, sostituendo l’etichetta verde ‘annuncio’ e il colore dell’URL con un più discreto avviso nero in grassetto ‘ad’, rendendo gli annunci visivamente indistinguibili dai normali risultati di ricerca. Questo cambiamento sembra essere stato un tentativo di raggiungere gli obiettivi posti dal codice giallo.

A gennaio 2020, questa modifica è stata estesa anche ai dispositivi desktop, tanto che Jon Porter di The Verge ha osservato che ‘gli annunci di Google ora sembrano esattamente come i risultati di ricerca’.

Cinque mesi dopo, poco più di un anno dalla vicenda del codice giallo, Prabhakar Raghavan è stato nominato capo della ricerca di Google, con Jerry Dischler che ha preso il suo posto come capo della pubblicità. Dopo quasi due decenni dedicati allo sviluppo della ricerca Google, Gomes è stato trasferito al ruolo di SVP of Education in Google. Gomes, figura chiave del team originale che ha contribuito al successo del motore di ricerca più grande e influente al mondo, è stato sostituito da un gruppo direttivo affamato di crescita, guidato da Prabhakar Raghavan, un consulente aziendale travestito da ingegnere.

Una breve osservazione: ho usato ‘consulente aziendale travestito da ingegnere’ in senso dispregiativo. Anche se Raghavan mostra atteggiamenti che potrebbero sembrare tipici di un consulente aziendale privo di guida morale, per quanto ne so, non ha mai lavorato in quello specifico settore.

Tuttavia, sai chi ha un passato in quel campo? Sundar Pichai, che ha lavorato presso McKinsey, una compagnia che potrebbe essere considerata tra le più moralmente discutibili mai esistite. McKinsey ha avuto un ruolo sia nella crisi finanziaria del 2008, suggerendo alle banche di accumulare debiti e titoli garantiti da ipoteche fallimentari, sia nella crisi degli oppioidi, dove ha consigliato a Purdue Pharma strategie per ‘incrementare la crescita’ delle vendite di Oxycontin. Per quest’ultimo, McKinsey ha pagato quasi un miliardo di dollari in vari accordi a seguito delle sue consulenze con Purdue. Ma mi sto dilungando, un ultimo punto: McKinsey è notoriamente anti-lavoratori. Quando un’azienda ingaggia un consulente di McKinsey, è spesso per ricevere consigli su come ‘tagliare i costi’, il che inevitabilmente porta a licenziamenti e outsourcing. McKinsey si rapporta alla classe media come i batteri carnivori ai tessuti sani.

Queste email sono la dimostrazione lampante di una mentalità che privilegia la crescita a tutti i costi, dominante nell’ecosistema tecnologico. Se c’è una cosa che dovresti ricordare da questa newsletter, è il nome di Prabhakar Raghavan e la consapevolezza che ci sono persone responsabili per la situazione attuale della tecnologia.

Le email, che ti incoraggio a cercare, narrano in modo drammatico come i team finanziari e pubblicitari di Google, guidati da Raghavan con il sostegno del CEO Sundar Pichai, abbiano lavorato attivamente per degradare Google pur di aumentarne i profitti. Questo è ciò che intendo quando parlo di ‘Economia Corrotta’: una mentalità irrazionale e distruttiva che trasforma i prodotti che amiamo in strumenti quasi tortuosi e frustranti, obbligandoci a combattere contro le intenzioni dell’azienda per ottenere il servizio desiderato.

Eroi e cattivi

Ben Gomes è un eroe. È stato cruciale nello sviluppo di Google Search, sia come prodotto che come business, entrando in azienda nel 1999, molto prima che Google dominasse il settore. Era lo stesso anno in cui Larry Page e Sergey Brin tentarono invano di vendere l’azienda a Excite per 1 milione di dollari, per poi vedersi controribadire da Vinod Khosla (un investitore di Excite e cofondatore di Sun Microsystems) con un’offerta di soli 750.000 dollari.

In un’intervista del 2018 con Harry McCracken di FastCompany, Gomes ha descritto la sfida di Google come quella di ‘portare [l’algoritmo del PageRank] da una singola macchina a un intero gruppo di macchine, che all’epoca non erano delle migliori’. Nonostante il suo impatto e il suo lungo mandato, Gomes è stato nominato capo della ricerca solo a metà del 2018, dopo che John Giannandrea si era trasferito ad Apple per lavorare su strategie di machine learning e intelligenza artificiale. Gomes era venerato come lo ‘zar della ricerca’ di Google, ammirato per la sua capacità di mediare tra i vari dipartimenti.

Ogni articolo che ho letto su Gomes parla di un uomo profondamente radicato nelle fondamenta di una delle tecnologie più significative mai concepite, che ha dedicato decenni al mantenimento di un prodotto guidato, come dice lo stesso Gomes, da un ‘impegno verso il servizio agli utenti e l’uso della tecnologia per questo scopo‘. E quando finalmente gli furono consegnate le chiavi del regno – la possibilità di portare la ricerca di Google a nuovi livelli – fu sabotato da una serie di carrieristi opportunisti, intenti a compiacere Wall Street, capeggiati da Prabhakar Raghavan.

Vuoi sapere qual era la posizione precedente di Prabhakar Raghavan? Prima di diventare il capo della ricerca di Google, il ragazzo che ha causato il declino di Google Search, il ragazzo che ora sta compromettendo la ricerca, quale era il suo ruolo?

Dal 2005 al 2012, Raghavan è stato a capo della ricerca in Yahoo durante un periodo tumultuoso che ha segnato il declino definitivo dell’azienda, portandola quasi fuori dal mercato della ricerca. Le sue responsabilità includevano la ricerca e lo sviluppo per i prodotti di ricerca e pubblicitari di Yahoo.

Quando Raghavan entrò in Yahoo, l’azienda deteneva il 30,4% del mercato, non lontano dal 36,9% di Google e ben oltre il 15,7% di MSN Search. Ma entro il maggio 2012, la quota di mercato di Yahoo era precipitata al 13,4%, e nei nove mesi precedenti, era stata anche superata da Bing. Quell’anno, Yahoo ha subito i licenziamenti più massicci della sua storia, perdendo quasi 2.000 dipendenti, ovvero il 14% del suo personale.

L’uomo che ha sostituito Ben Gomes — una figura che aveva lavorato su Google Search fin dai suoi albori — era così inadeguato nel suo ruolo che nel 2009 Yahoo decise di rinunciare alla propria tecnologia di ricerca, optando invece per un accordo decennale con il motore di Bing. A lungo termine, questa decisione ha probabilmente accelerato il declino dell’azienda, che è passata da un valore di 125 miliardi di dollari al culmine della bolla delle Dot Com a essere venduta a Verizon per soli 4,8 miliardi di dollari nel 2017.

Con la ricerca non più al centro dell’attenzione e con meno risorse finanziarie disponibili, Yahoo decise di puntare sul web 2.0 e sui contenuti originali, facendo alcune scommesse che si sono rivelate redditizie, ma molte altre che si sono rivelate disastrose. Ha speso 1,1 miliardi di dollari per acquisire Tumblr nel 2013, solo per rivenderlo a Verizon per 3 milioni di dollari nel 2019. Ha comprato Zimbra nel 2007, apparentemente per competere con la nuova suite di produttività di Google Apps, solo per venderla pochi anni dopo a VMware per una frazione del prezzo d’acquisto originale. Yahoo si è trasformata in un’azienda senza una missione, scopo o obiettivo chiari, e nessuno — presumibilmente neanche la leadership — sembrava capire bene cosa fosse o cosa facesse l’azienda.

In un’intervista del 2005 con Dan Farber di ZDNet, Raghavan ha parlato del suo intento di ‘allineare gli incentivi commerciali di un miliardo di fornitori di contenuti con buone intenzioni sociali’ mentre era a Yahoo, e del suo entusiasmo di ‘ispirare il pubblico a fornire più dati’. Prima di allora, secondo ZDNet, aveva trascorso ’14 anni facendo ricerche e data mining presso IBM’.

Nell’aprile 2011, il Guardian pubblicò un’intervista con Raghavan, descrivendolo come ‘l’arma segreta di Yahoo’ e dettagliando il suo piano per applicare ‘ricerche e pratiche scientifiche rigorose… per informare le attività di Yahoo, dall’email alla pubblicità’. Sotto la direzione dell’allora CEO Carol Bartz, ‘l’attenzione si spostò sullo sviluppo diretto di nuovi prodotti’. Si parlava dell’ ‘approccio scientifico’ di Raghavan e della sua ‘logica all’innovazione costante e basata sui processi, che è molto diversa dalla percezione comune secondo cui le idee e lo sviluppo riguardano più fortuna e spontaneità’. Condivido questa frase solo per mostrare quanto fossero speciosi i riconoscimenti della stampa tecnologica. L’articolo intero è ridicolo, così privo di sostanza che sono rimasto sbalordito. Come mai nessuno ha collegato questi punti prima e ha detto qualcosa? Sono pazzo?

Questo articolo fu scritto anni dopo che Yahoo aveva concesso in licenza il suo motore di ricerca a Microsoft in un accordo finanziario che Marissa Mayer, successore di Bartz, avrebbe ancora criticato anni dopo. Il regno di Raghavan come ‘maestro della ricerca‘ si concluse con il passaggio a un motore di ricerca che nessuno ama pronunciare ad alta voce.

Questo articolo del Guardian fu pubblicato un anno prima del drammatico licenziamento di massa in Yahoo che vide l’eliminazione di intere divisioni di persone, e quattro mesi prima che Carol Bartz venisse licenziata telefonicamente dall’allora presidente Roy Bostock. Il suo successore, Scott Thompson, precedentemente presidente di PayPal, durò solo cinque mesi nel ruolo prima di essere sostituito anche lui dall’ex dirigente di Google Marissa Mayer, in parte perché emerse che aveva mentito sul suo curriculum riguardo al possesso di una laurea in informatica.

Carol Bartz è entrata in Yahoo nel 2009, subentrando dopo che il precedente CEO, Jerry Yang, aveva rifiutato di vendere l’azienda a Microsoft per 45 miliardi di dollari. Nel suo primo anno, Bartz ha licenziato centinaia di persone e ha siglato un accordo per potenziare la ricerca di Yahoo utilizzando la tecnologia del motore di ricerca Bing di Microsoft. Questo accordo prevedeva che Microsoft pagasse a Yahoo l’88% delle entrate generate dalle ricerche, un’intesa che ha garantito a Yahoo alcuni centinaia di milioni di dollari in cambio delle chiavi della sua piattaforma più trafficata.

Come ho accennato in precedenza, quando Prabhakar Raghavan, descritto come l’arma segreta di Yahoo, era al comando, il valore di Yahoo Search era tale che fu deciso di sostituirlo con Bing. L’unico vero valore dell’azienda, per molti aspetti, sembrava essere dettato più dalla nostalgia e dall’associazione con i giorni precedenti alla sua gestione.

Un cattivo quasi anonimo

È estremamente difficile trovare molte informazioni sulla carriera di Raghavan; mi ci sono volute ore di ricerche su Google per scovare quei tre o quattro articoli che lo descrivono approfonditamente. Tuttavia, da quanto ho raccolto, la sua carriera sembra essere caratterizzata principalmente da fallimenti, salendo i ranghi della tecnologia a scapito degli errori che ha causato. In un’intervista a WIRED del 2021, Steven Levy ha osservato che Raghavan ‘non è il CEO di Google: si limita a gestire l’azienda‘, descrivendo il suo ingresso in Google come ‘un passaggio dalla ricerca alla gestione’.

Levy lo definisce un ‘scienziato informatico di livello mondiale che ha scritto testi fondamentali nel campo’, ma riconosce anche che Raghavan ha optato per una carriera manageriale, il che corrisponde a tutto quello che ho scoperto su di lui. Raghavan si vanta orgogliosamente del fatto che ‘la tecnologia pubblicitaria di terze parti di Google gioca un ruolo fondamentale nel mantenere vivo il giornalismo’ in un periodo in cui ha spinto aggressivamente per contenuti ottimizzati per i motori di ricerca, e questo un anno dopo aver rimosso qualcuno che si interessava realmente alla ricerca.

Sotto la guida di Raghavan, Google è diventato meno affidabile e meno trasparente, dominato da aggregatori ottimizzati per i motori di ricerca, pubblicità e spam puro. Come ho già detto, ci lamentiamo continuamente dello stato di Twitter sotto Elon Musk, ma sostengo che Raghavan (e, per estensione, il CEO di Google Sundar Pichai) meritino critiche ancor più severe per il danno che hanno inflitto alla società. Google è, dopotutto, un pilastro essenziale dell’infrastruttura online, paragonabile alle linee elettriche o alle condutture idriche nel mondo fisico.

Raghavan e i suoi alleati hanno spodestato Ben Gomes, un uomo che ha dedicato gran parte della sua vita a rendere le informazioni mondiali più accessibili, distruggendo metaforicamente la Biblioteca di Alessandria affinché Pichai potesse guadagnare oltre 200 milioni di dollari all’anno.

Raghavan – un manager scelto da Sundar Pichai, ex consulente di McKinsey e professionista della gestione – rappresenta tutto ciò che non va nel settore tecnologico. Nonostante la sua reputazione di vero scienziato informatico con solide credenziali accademiche, ha scelto di demolire i lavoratori veri sostituendoli con yes-man che rendono Google più profittevole ma meno utile globalmente. Da quando Prabhakar ha assunto il comando nel 2020, la qualità di Google Search è drasticamente diminuita, con i frequenti ‘aggiornamenti principali’ che hanno avuto l’effetto contrario, aumentando la prevalenza di contenuti spam ottimizzati per i motori di ricerca.

Questo perché coloro che gestiscono il settore tecnologico oggi non sono gli stessi che lo hanno costruito. Larry Page e Sergey Brin hanno lasciato Google nel dicembre 2019 (lo stesso anno del disastro di Code Yellow) e, sebbene rimangano azionisti di controllo, è evidente che non si interessano più di ciò che ‘Google’ dovrebbe rappresentare. Prabhakar Raghavan è un manager e, per quanto mi risulta, la sua carriera è segnata da ‘aver fatto alcune cose in IBM, non aver creato nulla di notevole per Yahoo, e aver rovinato Google così gravemente che ogni organo di stampa ha rilasciato una storia su quanto fosse disastroso.

Questo è il risultato del passaggio della tecnologia dalle mani dei veri innovatori a quelle dei manager, in un’era in cui ‘management’ significa ‘stare il più lontano possibile dal lavoro vero e proprio’. E quando sei un dirigente inerte che cerca solo il profitto, l’unica cosa che ti interessa è la crescita. Non sei un utente, sei un parassita, e sono questi parassiti che stanno devastando e prosciugando il valore del settore tecnologico.

La storia di Raghavan è unica nel mostrare quanto danno abbia potuto infliggere (o, se vogliamo essere eccezionalmente generosi, non sia riuscito a prevenire nel caso di Yahoo) a due aziende leader del settore, e il fatto che lo abbia fatto senza essere un CEO o un fondatore è notevole. Ma forse il più sorprendente è che sia riuscito a mantenere un certo grado di anonimato. Tutti conoscono Musk e Zuckerberg, ma Raghavan era noto solo in un angolo del web. O almeno lo era.

Ora Raghavan ha comunicato ai team di ricerca che la loro ‘nuova realtà operativa‘ comporterà meno risorse e meno tempo per fornire i servizi. Rot Master Raghavan è qui per spremere quanto più possibile dal cadavere di un prodotto che ha distrutto.

Raghavan è un economista corrotto e uno dei tanti manager che hanno inflitto danni incommensurabili a Internet in nome della crescita e del ‘valore per gli azionisti’. Promotori della crescita e mercenari dell’innovazione: sono queste le forze che stanno distruggendo la capacità della tecnologia di innovare.

[fine della traduzione]


In conclusione, il caso di Prabhakar Raghavan e le vicende intorno al ‘codice giallo’ di Google non sono solo esempi di manovre aziendali distorte, ma rappresentano un allarme per tutti coloro che dipendono da queste infrastrutture tecnologiche nella vita quotidiana. Google, un tempo bastione dell’innovazione e della trasparenza, sembra ora caduto preda di una leadership che privilegia il profitto sopra ogni altra considerazione, con conseguenze devastanti non solo per la qualità del suo motore di ricerca, ma per l’intero ecosistema digitale.

Il nostro settore si trova a un bivio critico, dove la scelta tra etica e avarizia viene fatta ogni giorno. Quando dirigenti come Raghavan prendono il comando, la bilancia sembra pendere pericolosamente verso quest’ultima. La storia ci insegna che quando gli obiettivi di breve termine sovrastano il valore a lungo termine e l’etica del servizio, le conseguenze possono essere irreversibili.

Non possiamo restare a guardare mentre il nostro mondo digitale viene manipolato per servire gli interessi di pochi a scapito di molti. È tempo di richiedere e sostenere una riforma significativa, che riconduca Google e simili giganti tecnologici ai principi fondanti di utilità, affidabilità e integrità. Altrimenti, rischiamo di ritrovarci in un deserto digitale, dove la veridicità e la rilevanza sono sepolte sotto le sabbie del profitto e dell’opportunismo.

Facciamo appello alla comunità globale e ai regolatori: agite ora per prevenire un ulteriore degrado della nostra infrastruttura informativa. La nostra libertà di accedere a informazioni accurate e pertinenti non è solo un lusso, ma un pilastro della società moderna che dobbiamo proteggere con vigore e determinazione.

Continua: https://www.wheresyoured.at/in-response-to-google/

Articoli correlati

Autore

Commenti |4

Lascia un commento Lascia un commento
  1. Emilio Ronchi 1 commento

    Ciao Giovanni,
    ho letto molto attentamente questo articolo, ho un personale pensiero a riguardo, meglio mettere fieno in cascina e prepararsi a cambiare business, determinate cose non possono essere controllate e dominate, i giaganti del web fanno solo il loro interesse, o ci si adegua o si cambia strada.
    Ne parleremo certamente di fronte ad una buona cena.
    TI ABBRACCIO

    1. Giovanni Sacheli 759 risposte

      Ciao Emi, almeno tu la cascina ce l’hai.
      Ti dovesse servire un bracciante tienimi in considerazione :D
      Un abbraccio

  2. Giovanni Sonego 1 commento

    Il colpevole è Prabhakar Raghavan, dice l’articolo che hai tradotto. Sicuramente ha le sue responsabilità, ma non credo sia corretto imputare ad un unica persona tutta la colpa. Credo piuttosto che Raghavan sia solo un esecutore e che la responsabilità siano da ricercare nel mondo ipercapitalista produttore di storture che conducono inevitabilmente all’accentramento del potere nelle mani di pochi. Potere economico e politico che si sostengono vicendevolmente per favorire un limitato numero di entità (colossali aziende multinazionali, governi poco democratici, banche, assicurazioni, mondo della finanza…) e non certo per essere al servizio della maggioranza dei cittadini.

    Vorrei aderire all’appello che lanci (non ho capito come fare) anche se temo che la strada degli appelli non sia sufficiente.

    1. Giovanni Sacheli 759 risposte

      Ciao Giovanni,

      Grazie per il tuo commento e per aver condiviso la tua riflessione. Concordo con te sul fatto che non sia corretto attribuire la responsabilità delle dinamiche aziendali e dei cambiamenti nella qualità del servizio di Google a una singola persona. La questione è sicuramente più complessa e coinvolge vari fattori e decisioni prese a livelli più alti dell’organizzazione.

      È vero, come evidenziato dall’analisi dei documenti emersi nel processo del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti contro Google, che alcune decisioni e strategie possono essere tracciate fino a specifici individui attraverso le comunicazioni ufficiali. Tuttavia, queste azioni sono spesso il risultato di una cultura aziendale e di un sistema più ampio che premia determinati comportamenti e obiettivi. Sundar Pichai, il CEO di Google, ai miei occhi è colpevole tanto quanto Prabhakar Raghavan, ma questo articolo è una traduzione di un giornalista che apprezzo e come tale riporta il suo pensiero.

      Per quanto riguarda l’adesione all’appello che ho menzionato nell’articolo (iniziare ad usare altri motori di ricerca), comprendo la tua preoccupazione sul fatto che i soli appelli potrebbero non essere sufficienti. È un punto valido, e aggiungerei che l’azione collettiva, il sostegno a riforme politiche e regolamentari, e la promozione di pratiche aziendali più trasparenti e responsabili possono essere modi efficaci per iniziare a creare cambiamenti reali. Ognuno di noi può contribuire partecipando a discussioni informate, sostenendo organizzazioni che promuovono la trasparenza e la responsabilità, e richiedendo standard più elevati sia a livello aziendale che legislativo.

      Nel mio piccolo sto cambiando browser e motore di ricerca, ho rimosso Google Analytics da questo blog e qualcos’altro mi inventerò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’esperienza di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1146 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Richiedi un preventivo ora e scopri la differenza tra noi e gli altri.
Richiedi un preventivo

Vuoi ricevere un avviso al mese con le nuove guide pubblicate?

Iscriviti alla newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.