Skip to content

Nella pagina dei risultati di Google, la SERP (Search Engine Results Page), possiamo generalmente trovare da 10 a più siti web. Alcuni degli spazi sono gratuiti, mentre altri a pagamento.

Il layout della SERP può cambiare in base al device dell’utente ed in base all’intento di ricerca. Cercare un dentista è molto diverso dal cercare un tutorial per tagliare i capelli.

Alcune ricerche possono attivare un box con la mappa, altre ricerche possono attivare caroselli di vario genere, le tipologie di risultati sono davvero molti. Qualche anno fa Moz aveva provato a raccoglierle tutte in una Mega-SERP, oggi la situazione è ancora più varia. Google ha creato una pagina che racchiude tutte le SERP features che possiamo incontrare.

Una query commerciale attiva quasi sempre i risultati a pagamento, gli Ads, che si mescolano con i risultati gratuiti detti anche “risultati organici”. Considerando che circa il 50% degli utenti di Google non sa riconoscere un risultato organico da uno a pagamento, credo sia utile mostrare qualche esempio. Quando si cercano determinate informazioni è importante sapere se un sito web è in prima pagina perché meritevole oppure semplicemente perché ha pagato Google. Non credi?

Nella SERP per la query “Samsung s10” tutta la sezione above the fold è occupata da annunci, in questo caso un carosello Google Shopping in alto, seguito da un annuncio Search. Gli annunci sono segnalati con piccole etichette:

  • Sponsored” per Google Shopping in inglese, mentre se cerchi in italiano vedrai “Sponsorizzato”.
  • “Ad” per l’annuncio Search (Ad sta per Advertising) nelle SERP in inglese, mentre per l’italiano viene mostrata l’etichetta “Annuncio”.

In questo esempio vediamo la differenza tra un risultato a pagamento ed un risultato naturale, gratuito. Come vedi il risultato rganico non ha alcuna etichetta o dicitura, mentre il primo è taggato come “Annuncio”.

In passato i risultati a pagamento erano ben contraddistinti da quelli organici. Con il passare degli anni Google ha reso sempre più difficile distinguere le due tipologie di risultato dato che l’utente medio tende a non fidarsi degli annunci a pagamento. Per intenderci, questo era un annuncio in una SERP del 2001:

La SERP nel 2001

I risultati a pagamento avevano il tag “Sponsored” ed anche lo sfondo di colore differente ed è stato così fino al 2014. Da quel momento in poi gli annunci hanno lo sfondo bianco e sono più difficili da distinguere:

La SERP nel 2014

In questa pagina puoi trovare una time line ben fatta con i vari progressi grafici delle SERP di Google, puoi vedere i cambiamenti da quando ancora non esistevano i risultati a pagamento fino ad oggi.

Articoli correlati

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’expertise di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1121 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Affidati alla nostra esperienza per fare la differenza.
Richiedi un preventivo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità SEO e Google Ads?

Iscriviti alla nostra newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.