Skip to content

Generare liste di parole chiave è una attività SEO molto frequente e spesso sottovalutata sebbene sia la base per eseguire una corretta analisi delle parole chiave. Potrebbe sembrare semplice identificare le migliori parole chiave ma non lo è affatto, per fare un buon lavoro serve infatti molto tempo, attenzione e soprattutto metodologia. Un buon lavoro non ti farà pentire del tempo che hai impiegato perché ricordati – Content is the king!

Per ottimizzare semanticamente una pagina web al fine di migliorarne il ranking nei Motori di Ricerca è importante scrivere contenuti ricchi di informazioni che rispondano non solo alla chiave primaria ma anche alle “ricerche correlate“. I contenuti di qualità infatti non trattano solo la parola chiave primaria nello specifico, ma devono anche allargarsi a concetti laterali e correlati che gli utenti solitamente cercano. Solo in questo modo si può dimostrare a Google che il nostro contenuto è esaustivo ed (eventualmente) migliore degli altri.

Genera la tua lista di parole chiave

Prima di iniziare a scrivere un articolo è importante prepararsi uno schema con la parola chiave primaria e tutti i concetti che gli girano attorno, ovvero le parole chiave correlate.

Anni fa accadeva con la Wonder Wheel di Google (R.I.P. luglio 2011)… Te la ricordi?

Google Wonder Wheel
La vecchia Google Wonder Wheel

In pratica si incomincia identificando la parola chiave primaria che dovrà essere un termine forte, ad alto traffico e possibilmente senza una concorrenza SEO eccessiva (per l’analisi della competizione SEO ti consiglio di leggere la guida sul calcolo del KEI delle parole chiave).

Brainstorming

Per prima cosa ritengo sia importante capire quali siano le parole chiave tipiche del settore di appartenenza. Inizio a segnarmi quelle più rilevanti che emergono ragionandoci sopra, magari in team – ciù is megl che uan (Cit.).

Ad esempio, se il nostro cliente vende batterie per cellulari questa sarà presumibilmente la parola chiave primaria. Prima però devo verificare che non ci siano termini simili con traffico maggiore, magari le persone usano più frequentemente la parola smartphone che cellulari – i tempi cambiano in fretta, verifica!

  • batterie per cellulari o batterie per smartphone?

Analisi della SERP

Cercando in Google la parola “batterie per cellulari” ottengo molti risultati rilevanti.

Leggendo i titoli in blu (title tag) dei primi 10 risultati noto che la parola chiave primaria resta invariata nella maggior parte dei siti web posizionati, ovvero usano tutti la parola principale seguita da altri dettagli che caratterizzano meglio le tipologie di batterie offerte:

  • batterie per cellulari in offerta
  • batterie per cellulari scontate
  • batterie per cellulari [marchio]
    • batterie per cellulari Samsung
    • batterie per cellulari Nokia
  • batteria [modello]
    • batteria S6
    • batteria iPhone XY
  • negozio batterie per cellulari
  • batterie per telefoni cellulari
  • batterie per smartphone

Aggiungo questi termini alla mia lista.

Generare le varianti base

Scrivo nella mia lista anche le variabili dei termini principali: singolare/plurale, sinonimi e in certi casi rimuovo anche le stop-words:

  • batteria per cellulare
  • batteria per cellulari
  • batterie per cellulare
  • batteria cellulare
  • batteria per smartphone
  • batteria smartphone

Analisi dei i competitor

Prendere spunto dai competitor online più visibili è sicuramente una cosa buona da fare.

In particolare quando studio i competitor mi segno le parole chiave che loro usano nei meta tag (title e description), nei testi in pagina (heading e anchor text) e nelle immagini (alt tag).

Analisi dellepagine dei competitor
Analisi dellepagine dei competitor

Analizzando i competitor è facile capire la loro strategia (se ne hanno una).

Ad esempio questo competitor mischia in alcune tag le parole “cellulari” e “smartphone” per cercare di pescare ricerche su entrambi i termini. Inoltre usa termini long tail (a coda lunga) per aggiungere nuovi concetti correlati, come ad esempio “compatibili” e “originali” ampliando la semantica della pagina.

Analisi delle pagine dei competitor
Analisi delle pagine dei competitor

Segno nella mia lista i nuovi termini individuati:

  • batterie per cellulari
  • batterie cellulari compatibili
  • batterie cellulari originali
  • batterie cellulari/smartphone

Successivamente con strumenti per l’analisi dei backlink come Majestic e Ahref mi studio il profilo dei backlink dei principali competitor per identificare le anchor text che usano nella loro strategia inbound.

Analisi anchor text con Majestic
Analisi anchor text con Majestic

In questo caso non ho trovato parole chiave ad alto valore, l’unico termine usato come anchor text è “vendita batterie” che risulta essere, a mio parere, troppo generico. Inserisco comunque la parola nel mio elenco perchè voglio verificare le ricerche medie mensili e la rispettiva competizione SEO. Non dare mai nulla per scontato!

  • vendita batterie

Ricerche correlate

Dopo aver cercato una parola su Google è possibile scorrere in fondo alla pagina dei risultati di ricerca per trovare il box delle “ricerche correlate”. Questo box ci offre informazioni estremamente importanti, ovvero le ricerche che gli utenti eseguono in relazione alla nostra parola chiave primaria.

Avere un testo ottimizzato sulle “batterie per cellulari” vuol dire anche rispondere a domande correlate, tipo “batterie per cellulari Nokia”, “batterie per cellulari samsung”, etc. Limitarsi a spammare 100 volte la parola primaria non serve più a niente, siamo nel 2015 non nel 2000!

Cliccando su un termine mostrato nel box è possibile andare avanti nella ricerca attivando il successivo box delle ricerche correlate ed arricchire ulteriormente la nostra lista.

Ricerche correlate mostrate da Google
Ricerche correlate mostrate da Google

… cliccando sulla ricerca correlata” batterie per cellulari Samsung” attivo il secondo box con nuove parole ancora più specifiche:

Secondo box di ricerche correlate
Secondo box di ricerche correlate

Aggiungo tutte queste parole alla mia lista:

  • batterie per cellulari nokia
  • batterie per cellulari samsung
  • batterie per cellulari lg
  • batterie per cellulari cinesi
  • batterie per cellulari blackberry
  • batterie per cellulari ngm
  • batterie per cellulari brondi
  • batterie portatili per cellulari
  • batterie per cellulari Siemens
  • Alcatel batterie

Strumenti per la ricerca delle parole suggerite

Quando iniziamo a digitare una query in Google ci vengono suggerite alcune serie di parole che completano la nostra frase. Questi TERMINI SI DEFINISCONO parole “suggerite”. Attraverso generatori di parole chiave è possibile esplodere la lista di parole suggerite per ottenere elenchi di parole chiave long tail molto specifiche ed in target.

Per scoprire manualmente queste parole ci sono alcuni accorgimenti da utilizzare su Google, come ad esempio inserire il carattere “*” prima, in mezzo o dopo la nostra query di partenza.

Le parole chiave suggerite da Google mentre si esegue una ricerca
Le parole chiave suggerite da Google

Gli strumenti gratuiti per svolgere questo lavoro sono:

Keyword Tool - Generatore parole correlate
Keyword Tool – Generatore parole correlate

Una volta esplosa la lista con tutti i termini che voglio testare, esporto i dati.

Google keyword planner

Come ultimo passo inserisco tutte le parole salvate nella mia lista dentro il Keyword Planner di Google AdWords per ottenere due cose: i volumi di ricerca ed eventuali termini suggeriti.

Google Keyword Planner
Google Keyword Planner

Selezioni le parole migliori tra quelle suggerite:

  • batterie smartphone
  • batterie cellulari

La lista a questo punto è abbastanza ampia e profonda. Esporto i dati in Excel e passo ad analizzare la competizione SEO dei singoli termini.

Competizione SEO

KEI Formula = Ricerche²/Allintitle

Ora che ho tutti i dati sui volumi di ricerca passo ad analizzare la competizione SEO come spiegato nella guida linkata ad inizio articolo. Un ulteriore controllo che eseguo è analizzare i dati di competizione forniti da Majestic sui termini della mia lista.

Una analisi base della competizione SEO usa solo l’operatore di ricerca “allintitle”. Quando invece voglio raccogliere ulteriori dati per l’analisi utilizzo anche l’operatore “allinanchor” ed i dati forniti dal Keyword Checker di Majestic.

Analizzare la competizione delle parole chiave con Majestic
Analizzare la competizione delle parole chiave con Majestic

Pulizia del database da chiavi duplicate

Dal database dovrò rimuovere eventuali termini duplicati e quelli che non reputo strettamente rilevanti. Per evidenziare le parole doppie ordino il database dalla A alla Z e poi applico la funzione IF (SE in Italiano): =+SE(A1=A2;”doppio”;”ok”)

Clicca questo link per scaricare il file di esempio con la Funzione Excel trova duplicati.

Il risultato

Il risultato di questa ricerca è un insieme di concetti correlati che dovremo approfondire nel nostro articolo:

Espandere la semantica da un elemento di partenza
Espandere la semantica da un elemento di partenza

Conclusione

Ho tutto quello che mi serve per iniziare a scrivere ed ottimizzare il mio articolo in ottica di SEO Copywriting: una chiave primaria ed una lista di termini con relativi dati di traffico di ricerca e competizione SEO.

Utilizzerò la parola chiave primaria nei tag più importanti (meta title, description, headings e alt tag) ed inserirò le parole chiave correlate e secondarie nel testo in modo da allargare la semantica del mio contenuto. Se le parole secondarie dovessero richiedere molto contenuto è possibile dedicare un tag heading H2 alla parola chiave secondaria ed esplodere il concetto in un paragrafo di testo dedicato.

Il risultato sarà un articolo che spiega in modo approfondito il topic di partenza ma anche i concetti correlati. Google capirà che abbiamo scritto un contenuto esauriente, ampio (in termine di volume, parole utilizzate) e approfondito.

Fidati, Google ama questo tipo di contenuti! Ovviamente questa procedura non garantisce il posizionamento del sito web, i risultati infatti dipendono dai competitor, dalla qualità dei loro contenuti e dall’authority dei loro siti web.

L’articolo ti è servito? Potresti condividilo sui social, grazie!

Articoli correlati

Autore

Commenti |9

Lascia un commento Lascia un commento
  1. Giovanni 2 commenti

    Bravissimo Giovanni!
    Sei uno dei pochi che unisce ottime guide seo a tool importanti come majestic!

    1. Giovanni Sacheli 759 risposte

      Grazie amico omonimo :) ci sono ottimi tool online, è un peccato non usarli!
      Se ti interessa l’analisi delle keyword ti posso consigliare altri tool lato client validi per valutare traffico e competizione: Market Samurai, e Stealth Keyword Competition Analyzer e Ultimate Niche Finder. Costano poco e non hanno scadenza (per ora)…

      1. Giovanni 2 commenti

        Ne conoscevo 3 su 4.. l’ultima della lista mi mancava! Grazie mille! :D

  2. Roberto Corio 1 commento

    Un post perfetto per capire il lavoro da svolgere prima di scrivere un articolo in ottica Seo copywriting

    1. Giovanni Sacheli 759 risposte

      Grazie Roberto!

  3. gabriele 1 commento

    Complimenti Giovanni per l’articolo, con nozioni dettagliate ma espresse in modo chiaro.
    Avrei una domanda alla quale mi piacerebbe rispondessi. Come effettui la scelta per le parole chiave secondarie? Il mio dubbio è quello di creare altre pagine in cui targetizzare queste parole chiave secondarie (che ovviamente diverrebbero primarie) oppure è possibile un targeting unico in una sola pagina.
    Mi spiego meglio: nel tuo esempio uno vuole targetizzare “batterie samsung” e le varie ricerche portano a chiavi correlate (secondarie?) come “batterie samsung usate”, “batterie samsung scontate”, “batterie samsung MODELLO”.. la domanda è se effettuare un’unico articolo in cui ovviamente la chiave primaria è “batterie samsung” (messa in url, title, desc, h1, alt) a cui aggiungere “batterie samsung scontate” (in desc, in h2, nel testo) oppure diettamente fare una pagina “batterie samsung scontate” dove ottimizzare nuovamente url, title, desc… spero di essermi spiegato.
    Inoltre, discorso cannibalizzazione keywords esiste e se sì, cosa comporta? (potrebbe essere uno spunto per un bell’articolo :) ).

    Grazie ancora, buon proseguimento.

    Gabriele

    1. Giovanni Sacheli 759 risposte

      Ciao Gabriele grazie per il commento.
      In passato per posizionarsi per una specifica parola chiave spesso bastava insistere nel testo con la stessa parola. Oggi non è più così: per convincere Google che il tuo testo è completo ed esaustivo è consigliato inserire anche parole correlate e secondarie in modo da allargare la semantica della pagina. Immagina di costruire una sorta di piramide con la parola primaria in cima e le correlate alla base. Questo sistema darà forza alla parola chiave primaria e, in parte, darà visibilità anche alle secondarie. Un buon testo per posizionarsi con “batterie samsung” conterrà anche correlate come “batterie online” e magari “batterie usate”. Se poi il sito ha anche una sotto-sezione specifica per le “batterie samsung usate” potrai a) costruire una nuova piramide usando quella parola come nuovo vertice e alla base altre correlate e b) linkare la sezione dalla pagina di livello superiore “batterie samsung”.

  4. Linda Romano 1 commento

    Complimenti per la chiarezza del contenuto, io ho un sito che vende prodotti di art. da Regalo, bomboniere ecc. Se io faccio un titolo con queste parole chiavi pirofila teglia ceramica emile henry mi conviene farlo così oppure per ogni parola chiave fare un titolo tipo pirofila ceramica emile henry ,e poi fare un seconda pagina con il titolo teglia ceramica emile henry e logicamente per ogni parola chiave trovare le correlate.
    Ps emile henry è il produttore delle ceramiche

    1. Giovanni Sacheli 759 risposte

      Ciao Linda grazie per la domanda.
      Per capire se servono due pagine diverse dovresti andare su Google e cercare “pirofile + brand” e poi “teglie + brand”. Se ottieni 2 SERP con risultati sostanzialmente diversi allora puoi usare due pagine. In caso invece i risultati fossero molto simili, significa che Google capisce che sono la stessa cosa e dovresti fare una pagina sola. Spero di averti aiutato. A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli aggiornati

Richiedi un preventivo SEO e Google Ads

Porta il tuo sito web al livello successivo con l’esperienza di EVE Milano. La nostra agenzia di Search Marketing ha ricevuto oltre 1150 richieste di preventivo, un segnale chiaro della fiducia che imprenditori e manager, come te, ripongono nella nostra specializzazione tecnica e verticale nella SEO e PPC. Se la tua organizzazione cerca competenze specifiche per emergere nei risultati di Google, noi siamo pronti a fornire quel valore aggiunto. Richiedi un preventivo ora e scopri la differenza tra noi e gli altri.
Richiedi un preventivo

Vuoi ricevere un avviso al mese con le nuove guide pubblicate?

Iscriviti alla newsletter!

Informativa sui cookies

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza e misurazione come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.