SEO per eCommerce multi lingua, ottimizzazioni ed errori da evitare

Ultimo aggiornamento: Giugno 2014

SEO eCommerce

SEO eCommerce

Negli ultimi anni ho avuto la fortuna di lavorare su grandi siti eCommerce internazionali, ottimizzandone i fattori di SEO tecnica e multi lingua. In questa guida vorrei riassumere quelli che, secondo me, sono gli aspetti più importanti da considerare e quali sono gli errori da evitare per garantire la massima visibilità organica al proprio negozio online.

L’ABC della SEO per siti eCommerce

Scrivere descrizioni originali per i prodotti

Ho visto cose che voi umani non potreste nemmeno immaginare… descrizioni di prodotti copiate tali e quali dal sito del produttore, feed file fatti con le stesse medesime descrizioni ed inviati agli affiliati, branchi di Panda inferociti che massacravano interi networks di siti riducendone le visite organiche del 95%… Non c’è da stupirsi se Google non ha indicizzato alcuna pagina del sito, con Panda non si scherza e i testi non originali sono la sua preda preferita. Lo so è un lungo lavoro scrivere da zero tutte le descrizioni dei prodotti ma è il miglior investimento che si possa fare per la SEO, provare per credere.

Il potenziale delle immagini è molto alto

Le immagini hanno un ruolo molto importante per i siti eCommerce, non limitatevi ad inserire le immagini prese dal sito del fornitore, usate immagini nuove e originali. Nelle SERP grazie a Google Universal Search le immagini stanno acquisendo sempre più importanza poichè ottengono ottimi CTR rispetto ai classici snippet testuali. Non perdete questa occasione, investite qualche euro in foto che attirano l’occhio!

Immagini per Commerce

Immagini per Commerce

Distribuire Feed files originali agli affiliati

Le descrizioni dei prodotti contenuti in esso dovrebbero essere originali e diverse da quelle pubblicate sul sito altrimenti si rischia di assegnare il contenuto originale ad un affiliato nel malaugurato caso che quel sito venga indicizzato per primo da Google. Sebbene infatti Google non utilizzi soltanto la data di pubblicazione per valutare la fonte originale, è sicuramente buona norma cercare di essere indicizzati per primi. Se proprio non si vuole investire in un feed file con descrizioni uniche è importantissimo distribuire il feed soltanto dopo che i nuovi prodotti sono stati indicizzati sul sito originale.

Attenzione ai contenuti duplicati ed URL non normalizzati

Diversi eCommerce, Magento in particolare, hanno il problema dei collegamenti interni non normalizzati, ovvero una pagina è disponibile e raggiungibile con diversi indirizzi e questo genera contenuto duplicato. Per correggere questo problema che aumenta esponenzialmente le pagine date in pasto ai bot è necessario implementare il rel canonical. Per eCommerce in Magento il modulo più utilizzato per rendere canoniche le pagine è quello di Yoast.

Il problema dei contenuti duplicati può nascere anche dalla così detta Faceted navigation, ovvero la navigazione per filtri, come ad esempio il colore oppure un range di prezzo. Se il sito è pieno di contenuto duplicato lo spider di Google potrebbe non fare crawling delle pagine nuove tanto rapidamente, inoltre i segnali presenti in pagina potrebbero essere diluiti tra tutte le copie riducendone l’efficacia e la visibilità sui motori di ricerca.

Faceted Navigation - Navigazione per Filtri

Faceted Navigation – Navigazione per Filtri

In aggiunta al rel canonical potrebbe aiutare anche l’utilizzo del rel nofollow sui link interni e il disallow del robots.txt. Implementando il rel nofollow su un ipotetico filtro si ridurranno gli URL parametrizzati che lo spider potrebbe scoprire ma non eviterete che lo spider faccia crawling di tutte le pagine, per escludere le pagine dal crawling si utilizza il robots.txt.

Vediamo un esempio:
Lo spider raggiunge questa pagina:

  • esempio.com/categoria.php?categoria=abiti

all’interno della pagina lo spider trova altri link verso URL parametrizzati generati dai filtri:

  • esempio.com/filtro/categoria.php?categoria=abiti&prezzo=50-100

In questo caso dato che il filtro attiva una directory nell’URL risulta facile bloccarla con il Robots.txt:

User-agent: *
Disallow: /filtro/

Come gestire le Pagine di Categoria

Dopo la homepage, le pagine di categoria sono le più importanti e forti.

  1. Considera la pagine di categoria come seconde homepage. Pensa alle pagine di categoria come Silo o contenitori che racchiudono pagine di prodotto fortemente correlate.
  2. Aggiungi contenuto alle pagine di categoria. Rendere le pagine di categoria uniche con testi e contenuti originali aiuta a renderle più forti nei risultati di ricerca. Aggiungi valore per gli utenti fornendo informazioni utili che possano arricchire la pagina e differenziarla da una semplice lista di prodotti.
  3. Crea deep links verso le pagine di categoria. Guest blogging, content marketing e social media possono aiutare a rinforzare le landing di categoria se correttamente linkate.
  4. Tagga i contenuti condivisi. Quando condividi le pagine di categoria ricordati di usare le Tag più affini e correlate.
  5. Disegna le landing di categoria in modo chiaro, usa un codice leggero e semplice da interpretare dai motori di ricerca.
  6. Usa URLs search engine friendly, anche chiamati fancy URLs. La struttura più efficace per le pagine di categoria e di prodotto è il seguente:
  • Pagina di Categoria: esempio.com/categoria/
  • Pagina di Sotto Categoria: esempio.com/categoria/sotto-categoria/
  • Pagina di Prodotto: esempio.com/categoria/sotto-categoria/nome-prodotto

Usare i pulsanti sociali sulle Pagine di Prodotto e di Categoria

Inutile spiegare l’importanza di implementare i plugin social sulle pagine prodotto e categoria. Per dare un boost alla velocità di indicizzazione, al ranking nelle SERP e al numero di visite, i pulsanti sociali sono un must e lo saranno sempre di più, in particolare Google+!

Social Plugin per eCommerce

Social Plugin per eCommerce

Struttura URL organizzata a SILO

La struttura degli URL deve essere chiara e organizzata in SILO (categorie) in modo da rispecchiare la gerarchia usata dai Breadcrumbs, questo accorgimento aiuta gli utenti a navigare e i motori di ricerca a catalogare al meglio le sezioni sel sito.

Link Interni Silos

Link Interni Silos

Copyright Immagine: Bruce Clay

Un esempio per un sito eCommerce che vende articoli sportivi potrebbe essere questo:

  • Impostazione Consigliata: esempio.com/it/marca-o-categoria/nome-prodotto-in-italiano.html
  • Impostazione Sconsigliata: esempio.com/it/nome-prodotto-in-italiano.html

Sitemap.xml locali

In genere consiglio di registrare un profilo Google Webmaster Tools per ogni sezione localizzata del sito eCommerce, in modo da assegnare per ogni nazione una Sitemap.xml e una lingua locale. Esempio di Sitemap.xml locali

  • en.esempio.com/Sitemap.xml
  • es.esempio.com/Sitemap.xml

oppure

  • esempio.com/en/Sitemap.xml
  • esempio.com/es/Sitemap.xml

Nota: Il percorso di un file Sitemap determina l’insieme di URL che può essere inserito nella Sitemap. Un file Sitemap posizionato in esempio.it/catalog/sitemap.xml può includere tutti gli URL che iniziano con esempio.it/catalog/ ma non quelli che iniziano con esempio.it/images/. Fonte: www.sitemaps.org/it/protocol.html

Implementare le Breadcrumbs

Le breadcrumbs (lett. Briciole) sono utili per gli utenti e anche per la SEO. Le breadcrumbs aiutano i visitatori a localizzarsi e navigare nel sito, inoltre creano nuovi link interni che vanno a dare maggior peso alle landing page di categoria. Un buon linking interno favorisce il ranking della pagine di alto livello nei risultati di ricerca. Ricordatevi che avere una buona struttura di link interni è importante tanto quanto avere backlink.

Breadcrumbs eCommerce

Breadcrumbs eCommerce

Abilitare i commenti e le recensioni per gli utenti

Content is the king but i am not Writer! Non sei o puoi permetterti un copywriter a tempo pieno? Nel mondo tutti vogliono dire la loro, su tutti e su tutto, sfrutta questo potenziale e implementa la possibilità di lasciare commenti e recensioni dei prodotti! In questo modo aumenterai la loro fidelizzazione (torneranno per vedere le risposte ai loro commenti/recensioni), la quantità di parole on page e l’interesse di Google a tornare a visitare il sito. Non sottovalutare l’importanza dei commenti e delle review!

Recensioni per eCommerce

Recensioni per eCommerce

Backlinks locali

Come detto precedentemente per posizionarsi bene nei motori di ricerca locali é necessario ottenere backlinks da siti importanti e autoritari con TLD e lingua associati alla lingua dell’ecommerce da spingere. Se il sito è in lingua tedesca é importante che ottenga link da siti .de attinenti, con un buon pagerank. Cerca web directories locali, siti di clienti e fornitori, forum e blog in lingua per ottenere nuovi backlinks.

Link orizzontali

Per facilitare la vita a spiders ed utenti risulta molto utile implementare nelle pagine prodotto i box dinamici, ad esempio con i prodotti correlati oppure i più venduti. I link interni sono molto importanti per una corretta indicizzazione ed i link orizzontali sono un buon sistema per mantenere viva l’attenzione degli spiders (e degli utenti) verso pagine magari vecchie o non ottimizzate.

Escludere carrello e admin con Robots.txt

Per dare una mano agli spider dei motori di ricerca é importante selezionare le pagine che si vogliono indicizzare e quelle da tenere nascoste. Riducendo il numero di url da dare in pasto ai bots si ottiene una indicizzazione piu rapida ed efficace e si salva crawl budget, che siti nuovi o poco noti è davvero molto importante. Generalmente negli ecommerce si bloccano col file Robots.txt il carrello e il pannello di amministrazione.

Utilizzare le meta tag Open Graph

Per controllare lo snippet condiviso dagli utenti sui social è fondamentale impostare le tag Open Graph. Questo è un esempio di pagina condivisa su Facebook senza Open Graph ottimizzate (in questo caso proprio SENZA Open Graph)!

Open Graph eCommerce

Open Graph eCommerce

Mantenere il tempo di caricamento delle pagine inferiore ai 4 secondi

Il tempo di caricamento delle pagine impatta direttamente sulla percentuale di conversioni, molti studi sono stati fatti per dimostrarlo e la conclusione è che più velocemente si carica una pagina e minore sarà la percentuale di conversioni perse. Inoltre è importante sapere che Google utilizza il tempo di caricamento medio come uno degli oltre 200 parametri per il ranking, ottenere tempistiche inferiori alla media può favorire il ranking organico.

Conversioni vs Tempo Caricamento

Conversioni vs Tempo Caricamento

Traduci l’intero sito web nella lingua di destinazione geografica!

Questo accorgimento aiuta sempre sebbene non sia sufficiente per posizionarsi bene nelle SERP estere con parole chiave competitive. Tradurre un sito è molto importante per operare in ambiti internazionali ma possono crearsi situazioni abbastanza complesse come ad esempio la gestione di versioni multiple in Inglese per Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia.

L’algoritmo che decide il posizionamento per i vari paesi va ben oltre la traduzione dei testi, non basta avere un testo in inglese per posizionarsi bene in Australia. Google tiene in considerazione molti altri fattori come il Rel=”Alternate” hreflang=”x”, i link interni cross-domain, il corretto ccTLD (country-code Top-Level Domain) e fattori esterni come i backlinks provenienti da siti autorevoli e rilevanti nell’area geografica di interesse.

In alcune lingue spesso è possibile trovare su Google posizionamenti più elevati in inglese invece che con la lingua del mercato in questione. Questo accade perché Google cerca di servire il risultato più rilevante per la query e talvolta la lingua non è un fattore altamente rilevante o sufficiente.

Gli errori SEO più gravi per eCommerce Multi Lingua

Usare gli stessi indirizzi URL per le pagine tradotte

Mi è capitato di vedere in alcuni eCommerce fatti con Magento (il CMS eCommerce più diffuso al mondo) pagine dello stesso prodotto in lingue differenti con lo stesso URL. Per una corretta indicizzazione sui motori di ricerca è importante che ogni pagina risieda su un URL specifico. Se l’eCommerce usa la lingua Italiana e Inglese, la pagina prodotto non potrà risiedere per entrambe le lingue sullo stesso URL www.esempio.com/nome-prodotto-123.html, è molto importante cambiare l’URL per ogni lingua traducendo le parole usate nell’indirizzo sia per le pagine di prodotto che per le pagine di contenuto:

  • Pagina in Italiano: esempio.com/it/marca-o-categoria-in-italiano/nome-prodotto-in-italiano.html
  • Pagina in Tedesco: esempio.com/de/marca-o-categoria-in-tedesco/nome-prodotto-in-tedesco.html

Non implementare o implementare nel modo sbagliato la tag Rel=”Alternate” hreflang=”x”

La tag Rel Alternate è uno degli strumenti più importanti quando si parla di ottimizzazioni tecniche SEO per siti multi lingua. Puoi trovare informazioni specifiche sul Rel Alternate e come implementarlo nella pagina dedicata di Google ma vorrei aggiungere alcune considerazioni che spesso vengono dimenticate:

  • ogni pagina deve contenere i riferimenti del Rel Alternate verso tutte le traduzioni, compresa se stessa
  • con il Rel Alternate si deve linkare l’URL esatto della pagina e non la landing di ogni lingua:
  • Implementazione Corretta: esempio.com/it/nome-prodotto-in-italiano.html
    • Rel Alternate che punta a: esempio.com/de/nome-prodotto-in-tedesco.html
  • Implementazione Scorretta: esempio.com/it/nome-prodotto-in-italiano.html
    • Rel Alternate che punta a: esempio.com/de/

Cos’è e a cosa serve la tag x-default hreflang

Nel caso non vogliate seguire il suggerimento e di optare per il redirect automatico, Google ha recentemente introdotto una importante implementazione al Rel Alternate – x-default hreflang – che deve essere inserita per permettere a Google di determinare quale sia la lingua di default per il sito web. Considerate che anche Yandex, il più grande motorre di ricerca Russo, usa questa nuova tag.

Usare il Rel Canonical in modo sbagliato

Dopo aver implementato correttamente il Rel Alternate è spesso necessario ricontrollare tutti i Rel Canonical poichè spesso ci possono essere dei problemi. Non fate mai puntare il Rel Canonical delle pagine tradotte verso la lingua di default:

  • Implementazione Corretta: esempio.de/nome-prodotto-in-tedesco.html
    • Canonical che punta a esempio.de/nome-prodotto-in-tedesco
  • Implementazione Scorretta: esempio.de/nome-prodotto-in-tedesco.html
    • Canonical che punta a esempio.de/nome-prodotto-in-italiano

Usare auto redirect 302 con IP locator (e metodi simili)

Google ha ufficialmente consigliato come NON gestire gli utenti su siti multi lingua, cito testualmente: “Evita il reindirizzamento automatico basato sulla presunta lingua dell’utente. Questi reindirizzamenti potrebbero impedire agli utenti (e ai motori di ricerca) di visualizzare tutte le versioni del sito.” – Google

Come spesso accade Google non segue i suoi stessi consigli… Vi siete mai chiesti in che modo redireziona un utente italiano che digita google.com nel browser? Ma questa è un’altra storia

Noindex o disallow sulle pagine tradotte

Google dice:

Generalmente non occorre “nascondere” i duplicati impedendo la scansione con un file robots.txt o utilizzando una metatag robots noindex. – Google

Nel caso tu avessi implementato correttamente il Rel Alternate sarebbe un grave errore usare il noindex o il disallowing sulle pagine tradotte.

Non usare i link cross domain oppure usarli nel modo sbagliato

Le pagine tradotte andrebbero linkate internamente in modo visibile, sia per gli utenti che per i motori di ricerca. Spesso questi link vengono implementati con bandierine o con anchor text con il nome della lingua.

Assicurati di non linkare tutte le pagine in una lingua alla homepage delle altre lingue ma linka alla stessa pagina tradotta!

  • Implementazione Corretta: esempio.com/de/nome-prodotto-in-tedesco.html
    • Link cambio lingua verso: esempio.com/it/nome-prodotto-in-italiano
  • Implementazione Scorretta: esempio.com/de/nome-prodotto-in-tedesco.html
    • Link cambio lingua verso: esempio.com/it/

Struttura URLs: Sotto-cartelle Locali vs Sotto-domini Locali

Nella maggior parte dei casi una scelta vale l’altra, l’impostazione non impatta sulla SEO in modo particolare quanto i fattori precedenti, è tuttavia una scelta necessaria decidere se usare le sotto-cartelle locali (esempio.com/de/) o i sotto-domini locali (de.esempio.com).

Personalmente non vado matto per i TLD locali ma è solo un mio parere non prendetelo come un consiglio SEO universale. Il motivo per cui la penso così è che preferisco che authority, PageRank e tutti i fattori off-site si concentrino in un unico dominio piuttosto che dividersi in tanti sottodomini. Ci sono invece casi dove, data una particolare concorrenza, è più opportuno usare TLD locali…

Prima di acquistare un dominio è fondamentale chiedersi chi è il proprio pubblico e dove risiede. Per essere visibile in Italia consiglio il dominio locale .it mentre per un sito internazionale il .com è generico e può supportare tranquillamente un sito multi lingua in sub-foler. Credo sia importante ricordare che posizionare un TLD locale in queries internazionali è molto difficile, in altre parole se avete un sito .it e volete essere visibili su ricerche in inglese il consiglio è di acquistare un dominio .com o locale inglese (co.uk, cu.au, …)

Come gestire i prodotti out of stock: temporanei, definitivi e stagionali

La gestione dei prodotti terminati è molto delicata e dipende dalle necessità del cliente. Riassumo in 5 punti i suggerimenti più validi e le best practice per out of stock temporanei:

  1. Lasciare la pagina del prodotto online. Se il prodotto tornerà online nel breve periodo lascia la pagina online così com’è. Non cancellare, nascondere o sostituire la pagina.
  2. Offrire prodotti alternativi. Se specifici prodotti sono finiti potrebbe essere una buona occasione offrire agli utenti dei prodotti alternativi e fortemente correlati tramite widget laterali. Ad esempio potrebbe essere utile mostrare: lo stesso prodotto in colori differenti, nuovi modelli o nuove versioni, lo stesso prodotto da produttori differenti oppure altri prodotti della stessa categoria che sono simili in funzionalità e prezzo.
  3. Informare gli utenti quando il prodotto tornerà online. Fornisci sempre informazioni sulla futura data di reperibilità del prodotto in modo che gli utenti possano tornare sul sito non appena il loro prodotto tornerà disponibile online.
  4. Abilitare il pre-order. Offri agli utenti la possibilità di fare un pre-ordine in modo da assicurarsi la consegna non appena il prodotto tornerà disponibile online.
  5. Riduci al minimo il fattore negativo. Quando l’utente non trova ciò che cerca il feeling non è certo positivo. Puoi ridurre l’esperienza negativa offrendo qualche futuro beneficio come ad esempio un futuro sconto sul prodotto.

Un caso ben diverso è quando i prodotti finiti non torneranno più disponibili poichè obsoleti, passati o in fine produzione. Nel settore dell’elettronica e dell’abbigliamento in particolare l’obsolescenza dei prodotti è un problema comune e costante che molti eCommerce risolvono semplicemente cancellando la pagina (errore 404). Questa soluzione non è la migliore dal punto di vista SEO e nemmeno per gli utenti che avevano salvato nei preferiti quella pagina.

Le migliori soluzioni per prodotti definitivamente rimossi sono:

  1. Usare il redirect permanente 301. Quando il vecchio modello viene rimpiazzato con il nuovo, usare il redirect permanente 301 permette di comunicare a Google il cambio pagina in modo da preservare il valore SEO ed il ranking in SERP.
  2. Redirezionare la pagina prodotto alla categoria di appartenenza. Obiettivo del redirect è risolvere il problema degli utenti. Se il tuo eCommerce ha da offrire prodotti alternativi con prezzo e funzionalità simili è corretto inviare gli utenti sulla pagina di categoria più idonea a rimpiazzare il prodotto terminato.
  3. Cancellare permanentemente la pagina e restituire errore 404 oppure meglio ancora il 410 (status code gone). L’errore 410 serve per comunicare a Google che quella pagina non tornerà mai più online e il bot dei motori di ricerca non cercherà più quella pagina.
  4. Riutilizza lo stesso URL per altri prodotti. Se vendi prodotti generici dove le descrizioni tecniche e il numero modello non sono rilevanti, potresti riutilizzare gli URL in modo da fargli preservare il valore SEO, la page authority e la visibilità su Google.
  5. Alcuni prodotti devono stare online. In alcuni casi gli utenti potrebbero voler tornare sulla pagina prodotto per reperire ulteriori informazioni, come ad esempio scaricare il manuale, controllare gli aggiornamenti, etc. Per esempi di questo genere sarebbe buona norma mantenere la pagina online.

I prodotti stagionali richiedono pagine di categoria molto forti poichè saranno loro a rankare in SERP. Se vuoi costruire pagine stagionali molto forti cerca di mantenere le solite 2/4 pagine ogni anno senza cambiare URL. Ottimizza le pagine per i prodotti migliori e più forti poi sposta l’attenzione sulle landing di categoria e personalizzale con testi originali e link interni.

Se stai lanciando un nuovo prodotto e sai che ci sarà una grande richiesta, inizia a pubblicare una pagina di “coming soon” con contenuto unico e dedicato, offri notifiche e la possibilità di pre ordinare!

La struttura URL potrebbe essere così:

  • prodotto vecchio: esempio.com/categoria/prodotto-2012
  • prodotto nuovo: esempio.com/categoria/prodotto-2013

Se la vecchia collezione non è più disponibile usa un redirect 301 dal vecchio prodotto 2012 al nuovo 2013. Attenzione alle catene di redirect: redireziona sempre tutti i vecchi prodotti alla pagina più recente (2010 –> 2013), non usare chain redirect anno dopo anno 2011 –> 2012 –> 2013

Gestire i prodotti in saldo

Se il tuo sito ha la sezione Saldi dentro alla quale metti dei prodotti che sono contemporaneamente disponibili anche nella loro categoria principale, ricordati di usare la tag canonical sulla pagina prodotto nella sezione saldi. Il canonical dovrà puntare alla pagina originale del prodotto in modo da dire a Google che quella nei saldi è una pagina duplicata e di non considerarla come tale.

Mobile & SEO

Non mi dilungo sul dibattito “sito mobile dedicato o sito responsive”, Google si è già espresso: responsive is the way to go.

John Mueller di Google in “Internazionalizazione e SEO”

Di seguito alcune slides prese dall’hangout di John Mueller in English Google Webmaster Central del 28 Febbraio 2014

Infografica

SEO-eCommerce
Hai altri consigli per l’ottimizzazione di siti eCommerce Multi Lingua che vuoi condividere? Lascia un commento e condividi l’articolo :)

EVE Milano usa il Framework Genesis per WordPress

Genesis FrameworkIl Framework Genesis consente di creare rapidamente e facilmente incredibili siti web con WordPress. Genesis fornisce una piattaforma sicura e ottimizzata per i motori di ricerca e con un solo acquisto si ha diritto ad aggiornamenti a vita. Scopri le caratteristiche incredibili e la selezione di temi professionali. E' così semplice - inizia a utilizzare Genesis ora!

Analisi delle parole chiave con SEMrush

Comments

  1. says

    Ciao Giovanni,
    trovo le informazioni di questo post molto interessanti! Siamo a un livello di Seo già piuttosto avanzato.
    C’è un modo automatizzato per inserire i Rel Alternate in ogni pagina prodotto di ogni lingua per un ecommerce che ha più di 1000 prodotti?
    (a mano è decisamente un lavoro lunghissimo)..

  2. says

    grazie mille Giovanni. Sì è proprio Magento.
    Ti vorrei chiedere se l’abbinamento fra loro delle versioni di tutte le lingue di ogni pagina tramite il tag Alternative dev’essere fatto manualmente o meno. Nel senso:
    la versione esempio.com/it/prodotti deve avere avere nell’head il tag alternative che linka la stessa pagina nelle altre lingue (come esempio.com/es/productos) giusto?

    Questo lo fa direttamente Magento?
    … e andando un po oltre…
    se le diverse lingue fossero presenti in sottodomini (come es.esempio.com)? come ci si dovrebbe comportare?
    Ti ringrazio!!

    a presto
    Claudio

    • says

      Ciao Claudio, con il plugin Yoast si implementa in automatico in rel canonical, che è già una gran cosa su Magento.
      Il rel alternate va implementato come dici tu nell’header che punta alla stessa pagina tradotta nelle altre lingue, non lo fa magento ma va implementato a mano o con estensioni.

      Se le lingue fossero presenti in sotto-domini non cambierebbe niente, il rel alternate funzionerebbe nello stesso modo.

  3. says

    grazie dell’indicazione.
    Sempre in riferimento al Rel Alternate farlo a mano per ecommerce a 10 lingue con 1000 prodotti è una cosa impossibile. Ma so che è plausibile farlo anche tramite Sitemap. Qui c’è un esempio: https://support.google.com/webmasters/answer/2620865?hl=it&ref_topic=2370587

    Ora quello che ti chiedo va un po nello specifico..
    mettiamo che hai 10 lingue e si è deciso di fare un account di WMT specifico per ogni dominio (es: de.example.com, it.example.com, ru.example.com ecc). Io dovrò fare una sitemap per ogni dominio giusto?
    Conviene fare due sitemap specifiche per ognuno di essi? Quindi una che ha l elenco di prodotti e una che ha tutti i Rel Alternative di ogni pagina..?!
    Oppure metto tutto inseme?

    Scusa le domande ma sono cose che ancora non ho mai affrontato direttamente….
    Claudio

  4. says

    Ciao Claudio, quando dico farlo a mano intendo inserire il codice php che richiama l’alternate, non intendo inserirlo manualmente in ogni pagina (anche perchè magento usa php a template e non “esiste” la pagina di ogni singolo prodotto).

    L’alternate in sitemap va bene, basta aggiungere i parametri xhtml:link rel=”alternate” ad ogni link presente in sitemap, non fare una nuova sitemap solo per il rel alternate.

    Il consiglio generico è di creare 1 account GWMT per lingua, assegnare a ciascuno la sitemap locale e lingua corretta nelle impostazioni del profilo.

  5. says

    capisco e grazie davvero della disponibilità.
    Spero che non ti dispiaccia che la coda dei commenti in riferimento all’articolo si allunghi troppo, anche perchè magari sono cose che possono essere utili ad altri. :)

    Quindi inserire l’alternate è uguale sia in sitemap che in php, purtroppo non conosco magento quindi penso la soluzione migliore x me sia la prima.
    Quindi basterà aggiungere a ogni link nella sitemap tanti rel alternative quante sono le lingue ( quindi il link alle pagine analoghe in altre lingue).
    Questo processo dev essere fatto in ogni sitemap di ogni account a questo punto giusto?
    (a prescindere che io abbia un dominio come : http://www.example.com/en o sottodomini separati come en.example.com)

    Di seguito altre 3 domandine secche a cui se credi puoi non rispondere: ti ho già sfruttato abbastanza :)

    -Che mi dici delle Geo-sitemap targettizzate a nazione per aiutare Google a capire la lingua e la nazione corrispondente? Esistono? oppure la geotargettizzazione si usa solo per google places e per realtà locali a livello di città?

    – i microformati possono aiutare in qualche modo a geo-referenziare l’attività?

    – in che modo si usano i redirect in un ecommerce multilingua che utilizza sotto-domini per ogni lingua?

    un saluto
    e ancora grazie infinite

    • says

      ehehe no problem ti rispondo in ordine:

      • il rel alternate va inserito in tutte le sitemap locali
      • il rel alternate serve per dire a google che quella risorsa è specifica per una data lingua/nazione, lascia perdere le “geo sitemap”
      • I dati strutturati di Schema.org diventeranno credo sempre più importanti quindi se puoi usarli tanto meglio. La geo-referenziazione con i dati strutturati la vedo più una cosa da sito di eventi più che eCommerce, magari sarebbe meglio pensare agli snippet rating stars…
      • guarda il sito di IBM e Kikocosmetics, hanno un unico TLD e la homepage è la language gate, no redirect no fesserie :)

      PS: correggo, IBM ha da poco cambiato il sito implementando in homepage (ibm.com) un bel redirect temporaneo 302 verso la pagina locale US… Per rimandare gli utenti indifferentemente su US tanto valeva un 301 :D

  6. says

    beh Giovanni io ti ringrazio molto. Sei stato molto molto esauriente e disponibile. E nel caso avessi altre domande in futuro? come faccio?
    bonifico? ahah

  7. Al says

    Parli con semplicità di cose difficili, segnale di competenza. Bravo!
    Una curiosità: Eve Milano… e la sede è a Como? :-)

  8. Giovanni says

    Ciao Giovanni,

    molto interessante questo articolo. Io però mi chiedo: ha sempre senso un sito e-commerce multilingue? Non è più strategico (budget permettendo…) realizzare più siti, su più domini, uno per country?

    In questo modo ogni sito sarà coerente al massimo (in termini di dominio, contenuto, lingua, etc) con la nazione in cui si pensa di spingerlo.

    Ovviamente con una gestione centralizzata del catalogo che ti eviti di ricreare n schede per ogni lingua.

    Per capirci, invece di avere scarpe.com/it + scarpe.com/es + scarpe.com/en etc.

    avrai scarpe.it + zapatos.es + shoes.com

    …detta molto grossolanamente.

    Che ne pensi?

    Grazie.

    • says

      Ciao Giovanni^^
      Sono filosofie diverse, entrambe diffuse. Una che punta ad avere un sito unico, forte di pagine e link (Ikea, IBM, Nike, Booking.com, Nokia, Microsoft, Apple, …), l’altra invece ottimizza le ricerche locali con domini locali, siti più piccoli e gestibili (BMW, Amazon, Ebay, Zalando, Tripadvisor, Expedia, Edream, …).

      Come puoi notare dai nomi elencati negli esempi si tende ad usare il dominio unico per i siti istituzionali mentre TLD locali per eCommerce. Ma ripeto, sono filosofie entrambe percorribili, a volte la decisione è data dal management e la SEO arriva dopo come priorità :)

      • Giovanni says

        Grazie^^!

        Certo, è come dici tu: è una questione che va oltre la SEO e per certi versi riguarda le strategie aziendali definite a monte.

        Anche se poi ha una fortissima ricaduta sulla strategia SEO da utilizzare, perché si tratta di due scenari molto diversi da gestire. Ed entrambi, come giustamente sottolinei, hanno pro e contro.

        A presto!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code class="" title="" data-url=""> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre class="" title="" data-url=""> <span class="" title="" data-url="">